New Page 1

   TORNA ALLA HOME DI ENGLISH GRATIS    Tel. 02-78622122  •  info@englishgratis.com  •  INFORMATIVA PRIVACY

          Telefono: 02-78622122 Vai alla nuova sezione ELINGUE
                Email:
   

Selettore risorse   



     IL Metodo  |  Grammatica  |  RISPOSTE GRAMMATICALI  |  Multiblog  |  INSEGNARE AGLI ADULTI  |  INSEGNARE AI BAMBINI  |  AudioBooks  |  RISORSE SFiziosE  |  Articoli  |  Tips  | testi pAralleli  |  VIDEO SOTTOTITOLATI
ESERCIZI :   Serie 1 - 2 - 3  - 4 - 5 - Magic Advanced -    AREA SHOP  RIVISTA ENGLISH4LIFE  | CORS0 20 ORE DI INGLESE |  CORSO 20 ORE DI SPAGNOLO | CORSO 20 ORE DI TEDESCO  | CORSO 20 ORE DI FRANCESE  | CORSO 20 ORE DI RUSSO 


ALTRI DOCUMENTI

  1. Convenzione contro l'apartheid

  2. La bandiera europea: caratteristiche e storia

  3. Convenzione per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato

  4. Discorso di benvenuto al Parlamento Europeo

  5. Lascia che ti racconti un segreto sull'ambiente (racconto per bambini)

  6. Booklet - Una globalizzazione al servizio di tutti

  7. Profilo di Franz-Hermann Bruener, direttore generale dell'OLAF, ufficio europeo per la lotta antifrode

  8. Trattato NATO

  9. Carta delle nazioni unite

  10. La carta europea per le piccole imprese

  11. Che cos'è il servizio YOUR EUROPE - BUSINESS?

  12. Il servizio di orientamento per i cittadini - 1

  13. Il servizio di orientamento per i cittadini - 2

  14. Concorso - Parlate Europeo?

  15. Come scegliere un sistema di gestione del contenuto in accordo a un modello di apprendimento

  16. Cooperazione con paesi terzi

  17. Dichiarazione congiunta delle 6 nazioni sulla Corea del Nord

  18. La costituzione europea - Art. 30-86

  19. La costituzione europea - Art. 9-29

  20. La costituzione europea - Art. 1-8

  21. Nuova direttiva sull'emissione deliberata di OGM

  22. Dichiarazione universale dei diritti umani

  23. Convenzione sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna

  24. Apprendimento lungo tutto l'arco della vita

  25. Il programma E-Learning dell'Unione Europea

  26. L'allargamento dell'Unione Europea

  27. Manifesto di Praga del movimento per la lingua internazionale esperanto

  28. Che cos'è l'EURES

  29. Che cos'è l'EURES Job-Search

  30. La giornata europea delle lingue

  31. La banca europea per gli investimenti

  32. Che cos'è l'Europol (polizia europea)

  33. Convenzione sui diritti dell'infanzia

  34. Trovare un lavoro con il portale EURES

  35. Finanziamento comunitario per l'apprendimento linguistico

  36. Impariamo il gergo dell'Unione Europea!

  37. I dati sulla fame nel mondo

  38. Convenzione su popoli indigeni e tribali

  39. I centri di informazione europea (Infopoints)

  40. L'inno europeo (Inno alla gioia di Beethoven)

  41. Un apprendimento delle lingue di carattere innovativo

  42. L'Unione Europea in sintesi

  43. Le istituzioni europee

  44. Insegnamento delle lingue

  45. Leggi d'Europa - Introduzione

  46. Leggi d'Europa - Le definizioni

  47. Leggi d'Europa: attori chiave nel processo legislativo dell'Unione Europea

  48. Leggi d'Europa: il ruolo degli organi consultivi dell'UE

  49. Leggi d'Europa: il ruolo delle altre istituzioni od organi dell'UE

  50. Elenco completo delle istituzioni ed organi europei

  51. Leggi d'Europa: legislazione dell'UE online

  52. Studiare all'estero

  53. Licenza Pubblica Generica del progetto GNU

  54. Progetto Lingua 1

  55. Testo del trattato di Maastricht

  56. Manifesto del Partito Comunista - Prima parte

  57. Manifesto del Partito Comunista - Seconda parte

  58. Manifesto del Partito Comunista - Terza parte

  59. Manifesto del Partito Comunista - Ultima parte

  60. Messaggio di Giovanni Paolo II per la celebrazione della giornata mondiale della pace

  61. Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti dei lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie

  62. Promozione e salvaguardia delle lingue e culture regionali o minoritarie

  63. Un'alleanza in trasformazione (discorso del segretario generale della Nato)

  64. Nuove tecnologie multimediali nell'insegnamento

  65. Il nuovo paradigma dell'apprendimento nell'educazione scolastica

  66. Che cos'è l'ombudsman o mediatore europeo

  67. Il mediatore europeo in poche parole

  68. Lo statuto del mediatore europeo

  69. Orientamenti comunitari per lo sviluppo della rete transeuropea di trasporto

  70. Pinocchio - Come andò che Maestro Ciliegia trovò un pezzo di legno che piangeva e rideva come un bambino

  71. Patto internazionale sui diritti civili e politici

  72. Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali

  73. Ploteus, il programma europeo per chi vuole studiare all'estero

  74. Protezione dei minori de della dignità umana nei servizi audiovisivi e d'informazione

  75. Pubblicazioni dell'Unione Europea per il grande pubblico

  76. Convenzione internazionale sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale

  77. Politica regionale: il successo ottenuto nel 2005 indica la via da seguire per favorire la crescita e l’occupazione

  78. Preghiere: Padre Nostro

  79. Convenzione relativa allo status dei rifugiati

  80. Direttiva "Televisione senza frontiere"

  81. Suggerimenti e consigli su come trovare un lavoro nell'Unione Europea

  82. Formazione professionale nell'UE

  83. Turismo: come comunicare

  84. Turismo: attività culturali

  85. Turismo: diritti dei passeggeri di aerei

  86. Turismo: documenti necessari

  87. Turismo: patente di guida

  88. Turismo: la moneta

  89. Turismo: animali domestici

  90. Turismo: la salute

  91. Turismo: shopping

  92. Turismo: come comportarsi in caso di emergenza

  93. Seguire in diretta le sedute del Parlamento Europeo col webstreaming

  94. Che cos'è il servizio YOUR EUROPE - CITIZENS?

 

PARALLEL TEXTS
Suggerimenti E Consigli Su Come Trovare Un Lavoro
Testi singoli tratti da: h
ttp://europa.eu.int/eures/main.jsp?lang=en&acro=faq&catId=2579

Hints and tips on finding a job 

Suggerimenti E Consigli Su Come Trovare Un Lavoro 

Where to look for work?

Dove cercare lavoro?

Within the countries of the European Economic Area (EEA), freedom of movement for people is a basic right, allowing EEA nationals to work in another EEA country without a work permit. Free movement of workers will apply to citizens of the new Member States on the transitional arrangements set out in the Accession Treaty of the Czech Republic, Estonia, Cyprus, Latvia, Lithuania, Hungary, Malta, Poland, Slovenia and Slovakia to the European Union. The section following on "The Transitional Arrangements put in place for the New Member States." deals specifically with questions concerning New Member States.

Nei paesi dello Spazio economico europeo (SEE), la libera circolazione delle persone è un diritto fondamentale, che permette ai cittadini dello SEE di lavorare in un altro paese dello SEE senza permesso di lavoro. La libera circolazione dei lavoratori si applica ai cittadini dei nuovi Stati membri in base alle disposizioni transitorie previste nel trattato di adesione all'Unione europea di Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica ceca, Slovenia, Slovacchia e Ungheria. La sezione seguente sulle “Disposizioni transitorie previste per i nuovi Stati membri" tratta in modo specifico le questioni riguardanti i nuovi Stati membri.

What practical things do I need to consider before looking for work?

Quali aspetti pratici vanno presi in considerazione prima di cercare un lavoro?

Living and working in another European country can present some obstacles, such as adapting to a new culture, working in a foreign language, and familiarising yourself with unfamiliar tax and social security systems. You can best prepare yourself by being well informed about the country of your choice. Your own personal qualities and determination also play a role in finding a job as, of course, do your qualifications and foreign language knowledge.

Vivere e lavorare in un altro paese europeo può presentare alcune difficoltà, come la necessità di adattarsi ad una nuova cultura, di lavorare in una lingua straniera e di familiarizzarsi con sistemi fiscali e di previdenza sociale sconosciuti. Per prepararsi nel modo migliore occorre essere ben informati sul paese scelto. Anche le qualità personali e la determinazione, come, naturalmente, le qualifiche professionali e la conoscenza di lingue straniere, sono fattori di importanza decisiva nella ricerca di un lavoro.

Before you start your job search, it is important to realise that it is not necessarily easier to find a job abroad than it is in your home country (the overall European Union unemployment rate is still high). Nevertheless, some sectors on the European labour market may offer considerable opportunities, such as the tourist sector and the service sector (financial services, management consultancy, the construction sector, the IT sector and some segments of the health sector) as well as seasonal work in agriculture. You should also remember that there are considerable differences in job opportunities between regions in the European Economic Area and that the situation can change very quickly. Further information on this can be found in the "Living and Working" section. 

Prima di iniziare la ricerca di lavoro è importante rendersi conto che non è necessariamente più facile trovare un impiego all’estero che nel proprio paese (in Europa il tasso di disoccupazione globale è ancora alto). Tuttavia, alcuni settori del mercato del lavoro europeo possono offrire notevoli opportunità, come il settore turistico e quello dei servizi (servizi finanziari, consulenze di gestione, settore edile, settore TI e alcuni segmenti del settore sanitario) nonché il lavoro stagionale nell’agricoltura. Va anche ricordato che esistono notevoli differenze di opportunità di lavoro fra le regioni dello Spazio economico europeo e che la situazione può cambiare molto rapidamente. Ulteriori informazioni al riguardo si trovano nella sezione “Condizioni di vita e di lavoro”. 

How to start a search?

Come iniziare a cercare?

 To help find work before leaving, you should:

 Per trovare lavoro prima di partire, è consigliabile:

- Visit the EURES job mobility Web site, where you will find job vacancies, information on living and working conditions, labour market information as well as links to other useful information. There you can also make your CV available for potential employers all over Europe.

- visitare il sito web dell’EURES sulla mobilità professionale, dove si possono trovare offerte di lavoro, informazioni sulle condizioni di vita e di lavoro, informazioni sul mercato del lavoro e collegamenti verso altre informazioni utili. Il sito offre anche la possibilità di rendere il proprio curricolo accessibile ai potenziali datori di lavoro di tutta Europa;

- Contact a local or regional employment office for advice. They may have a EURES adviser who can provide you with more personalised advice. He/she can check job offers in the EURES system and with EURES advisers in the country you propose to go to.

- contattare un ufficio di collocamento locale o regionale. In tali uffici vi potrebbe essere un consulente EURES in grado di fornire una consulenza più personalizzata. Egli può controllare le offerte di lavoro nel sistema EURES e mettersi in contatto con i consulenti EURES nel paese prescelto;

- Check the vacancy advertisements in the newspapers of your “host” country (major public libraries will usually receive them on a regular basis). Remember that many specialised magazines advertise vacancies for particular professional fields.

- controllare gli annunci di lavoro nei giornali del paese “ospitante” (le biblioteche pubbliche più importanti di solito li ricevono regolarmente), tenendo presente che molte riviste specializzate pubblicano annunci di lavoro per settori professionali particolari;

- Contact the host country Public Employment Service, who should be able to advise you. Remember that as an EEA national you have the same rights in another Member State as that State’s own citizens. Ask to speak to a EURES adviser who is experienced in helping foreign citizens. 

- contattare il servizio pubblico dell’occupazione del paese ospitante, che dovrebbe essere in grado di dare consigli. Si ricordi che in un altro Stato membro il cittadino SEE ha gli stessi diritti dei cittadini di tale Stato. È opportuno parlare con un consulente EURES esperto nell’aiutare i cittadini stranieri. 

Other less common routes for finding a job

Altre strade meno comuni per trovare lavoro

Remember that the most common way of getting information on job vacancies is through the Public Employment Service.

Si ricordi che il modo più comune per ottenere informazioni sulle offerte di lavoro è rivolgersi al servizio pubblico dell’occupazione.

However, the following are also worth trying:

Tuttavia, vale la pena di tentare anche le strade seguenti:

- In many Member States, there are private agencies, specifically geared towards finding temporary work. You should check if they charge for their services and find out the nature of their employment contracts beforehand.

- in molti Stati membri esistono agenzie private che si occupano specificamente di lavoro temporaneo. Occorre informarsi in anticipo se i servizi di queste agenzie sono a pagamento e qual è la natura dei contratti di lavoro da esse proposti;

- Private recruitment agencies also exist but usually target managerial level jobs or particular sectors such as computing or finance.

- esistono anche agenzie private di ricerca di personale, le quali però si occupano normalmente di posti di livello direttivo o di settori particolari come quelli informatico e finanziario;

- For students, job fairs and career guidance centres can play a very important role in the job search.

- nel caso degli studenti, le fiere del lavoro e i centri di orientamento professionale possono essere di grande aiuto nella ricerca di un lavoro;

- Spontaneous applications to firms are becoming increasingly common. You should find out as many details about the firm as you can, as success may depend on your ability to demonstrate how well you would fit into their structure and requirements. You should set out your application in a letter, giving your qualifications, experience and the reasons for your particular interest in the firm. Alternatively many companies have their own online recruitment sites, where you can sometimes submit an electronic application form.

- l’offerta spontanea dei propri servizi lavorativi alle imprese diventa sempre più comune. La cosa migliore è scoprire più particolari possibile sull’impresa, perché il successo della domanda di lavoro può dipendere dalla capacità di dimostrare la propria adeguatezza alla struttura ed alle esigenze dell’impresa. Conviene presentare la domanda sotto forma di lettera, indicando le proprie qualifiche professionali, l’esperienza maturata e le ragioni del proprio interesse particolare per l’impresa di cui si tratta. In alternativa, si tenga presente che molte società hanno propri siti Internet di assunzione, che a volte consentono di presentare domande elettroniche;

- Networking is very important in most countries, as the first notification of many vacancies is often by word of mouth.

- nella maggior parte dei paesi i contatti personali sono assai importanti in quanto la prima forma di pubblicità di molti posti vacanti è spesso quella orale;

- Spending some time in the country of your choice on a traineeship or work placement is an ideal way of getting to know the country and provides the opportunity to job search on the spot. Many large companies organise such work placements. 

- fare un tirocinio in un’impresa nel paese prescelto è il modo ideale per conoscere il paese e offre l’opportunità di cercare lavoro sul posto. Molte grandi società organizzano tirocini. 

Points to consider when applying for a job

Aspetti da considerare quando si presenta una domanda di lavoro

One of the most important elements is finding out how to get your qualifications recognised in the ’host’ country. The crucial point, for those with professional qualifications, is whether the profession is regulated or not. The regulated professions are those professions that are restricted to persons holding certain qualifications (lawyers, accountants, teachers, engineers, paramedics, doctors, dentists, veterinary surgeons, pharmacists and architects, for example). In some of these professions, a list of recognised and equivalent qualifications has been established, while in others, the equivalence is judged on a case-by-case basis, taking into account the course length and content. If your profession is not a regulated one, you may start practising as soon as you get a job, but you must observe any necessary procedures applicable to that profession in the host country, and which may be different to what you are used to.

Una delle cose più importanti è scoprire come ottenere il riconoscimento dei propri titoli nel paese “ospitante”. Per chi ha una qualifica professionale, la questione cruciale è se la professione che intende esercitare sia regolamentata o meno. Le professioni regolamentate sono quelle il cui esercizio è consentito solo a chi abbia certi titoli (ad esempio, la professione di avvocato, ragioniere, insegnante, ingegnere, paramedico, medico, odontoiatra, veterinario, farmacista e architetto). Per alcune di queste professioni è stato stilato un elenco di titoli riconosciuti ed equivalenti, per altre l’equivalenza è valutata caso per caso prendendo in considerazione la durata e il contenuto degli studi compiuti. Per quanto riguarda invece le professioni non regolamentate, si può iniziare a praticare non appena si sia ottenuto un impiego, ma occorre osservare tutte le norme applicabili alla professione nel paese ospitante, norme che possono essere diverse da quelle del proprio paese d’origine.

What other points need to be considered?

Quali altri aspetti vanno considerati?

You should ensure that you have drawn up a clear, well-structured Curriculum Vitae, targeted towards the specific job. You should also get it translated into the host country language, together with your qualifications (see above). Most Member States expect the subject of your degree or diploma to be directly related to the job applied for, while others place less importance is placed on this. The EU has adopted a European Standard Curriculum Vitae. Suitable for both vocational and academic graduates, this CV gives a clear picture of a candidate’s aptitude and skills across EU-borders. The CV format is currently available in 13 languages representing the Member States, Iceland, Switzerland, Norway and can be downloaded from the EURES portal.

Occorre verificare che il proprio curriculum vitae sia chiaro e ben strutturato, adatto all’impiego desiderato. Esso deve anche essere tradotto nella lingua del paese d’accoglienza, insieme alle qualifiche (v. sopra). Nella maggior parte degli Stati membri si esige che la materia della laurea o del diploma sia direttamente attinente al lavoro che si intende esercitare, mentre in altri quest'aspetto è meno importante. L’UE ha adottato un modello europeo comune di curruculum vitae, adatto sia a chi dispone di un diploma professionale sia a chi ha un diploma universitario. Esso permette di stabilire con precisione, in tutta l’Unione europea, le attitudini e le competenze di un candidato. Il modello di CV è disponibile attualmente nelle 13 lingue degli Stati membri, dell’Islanda, della Svizzera e della Norvegia e può essere scaricato dal portale EURES.

How to prepare for a job interview?

Come prepararsi per un colloquio di lavoro

As in your home country, you should prepare yourself thoroughly for a job interview. Make sure you have background information on the firm and be ready to ask questions both about them and particular aspects of the job. You will also be expected to prove your command of the host country language and illustrate how your key skills and attributes fit in with the employers' requirements for that particular job. Many large firms throughout the EU use assessment centres to judge how potential employees would perform in real life situations.

Per sostenere un colloquio di lavoro, nel proprio paese o in un altro, occorre prepararsi bene, raccogliendo informazioni che consentano di porre domande tanto sull’impresa quanto su aspetti specifici del lavoro. Occorrerà poi dimostrare di conoscere la lingua del paese ospitante e spiegare come le proprie competenze e qualità principali corrispondano ai requisiti che il datore di lavoro ritiene necessari per il posto a cui ci si candida. Molte grandi imprese in tutta l’UE ricorrono a centri di valutazione per determinare quale sarebbe la reazione dei candidati di fronte a situazioni reali.

What documents to bring with you to the interview?

Quali documenti portare con sé al colloquio

Usually you will need:

Di solito sono necessari:

- several copies of your CV in the appropriate language;

- varie copie del curricolo nella lingua appropriata;

- a certified translation of your diploma (usually available from your education institute or the relevant ministry);

- la traduzione autenticata del titolo di studio (la quale, di norma, può essere ottenuta dall’istituto che ha rilasciato il titolo o dal ministero competente);

- photocopies of your school leavers certificate, university degree or other qualification;

- fotocopie del diploma scolastico, del titolo universitario o di altra qualifica;

- your passport or a valid identity card;

- il passaporto o una carta d’identità valida;

- a copy of your birth certificate;

- una copia del certificato di nascita;

- the appropriate E-form entitling you to health care coverage (eg. E111); and

- il modulo E appropriato che dà diritto alla copertura sanitaria (per esempio il modulo E111);

- some passport photos.

- alcune foto formato tessera. 

Can I transfer my unemployment benefit if I move to another EEA Member State without having a job offer?

È possibile trasferire l’indennità di disoccupazione se ci si trasferisce in un altro Stato dello SEE senza avere ricevuto una proposta di lavoro? 

If you are currently out of work and you want to look for a job in another EEA country, you may transfer your unemployment benefit for 3 months. However, there are strict rules and conditions for the transferring of benefits and you are therefore advised to contact your local employment service or the appropriate benefits agency before taking any action. If you have not found a job after 3 months, you may be asked to leave, though the authorities may be lenient if you can prove that your chances of finding a job are good. Other sections such as the "Living and Working" section contains further useful information on this.

Chi è attualmente disoccupato e ha intenzione di cercare lavoro in un altro Stato dello SEE, può trasferire la propria indennità di disoccupazione per 3 mesi. Esistono tuttavia regole e condizioni precise per il trasferimento delle indennità e si consiglia pertanto di contattare il servizio per l’impiego locale o l’agenzia che si occupa della concessione delle indennità prima di intraprendere qualsiasi azione. A chi non ha trovato un lavoro entro 3 mesi potrà essere chiesto di lasciare il paese. Le autorità competenti potranno tuttavia dimostrarsi indulgenti se si prova che si hanno buone possibilità di trovare un impiego. Altre sezioni, come quella sulle “Condizioni di vita e di lavoro”, contengono ulteriori informazioni utili al riguardo. 

 



LA RIVISTA
SALVA-INGLESE!

  1. Perché è utile
  2. Leggi il n. 1 gratis!
  3. Acquista gli arretrati
  4. Cosa dicono i lettori
  5. Il  metodo
 

V
ERSIONE PER READSPEAKER
••••••••••••••••••

Hints and tips on finding a job 

Where to look for work?

Within the countries of the European Economic Area (EEA), freedom of movement for people is a basic right, allowing EEA nationals to work in another EEA country without a work permit. Free movement of workers will apply to citizens of the new Member States on the transitional arrangements set out in the Accession Treaty of the Czech Republic, Estonia, Cyprus, Latvia, Lithuania, Hungary, Malta, Poland, Slovenia and Slovakia to the European Union. The section following on "The Transitional Arrangements put in place for the New Member States." deals specifically with questions concerning New Member States.

What practical things do I need to consider before looking for work?

Living and working in another European country can present some obstacles, such as adapting to a new culture, working in a foreign language, and familiarising yourself with unfamiliar tax and social security systems. You can best prepare yourself by being well informed about the country of your choice. Your own personal qualities and determination also play a role in finding a job as, of course, do your qualifications and foreign language knowledge.

Before you start your job search, it is important to realise that it is not necessarily easier to find a job abroad than it is in your home country (the overall European Union unemployment rate is still high). Nevertheless, some sectors on the European labour market may offer considerable opportunities, such as the tourist sector and the service sector (financial services, management consultancy, the construction sector, the IT sector and some segments of the health sector) as well as seasonal work in agriculture. You should also remember that there are considerable differences in job opportunities between regions in the European Economic Area and that the situation can change very quickly. Further information on this can be found in the "Living and Working" section. 

How to start a search?

 To help find work before leaving, you should:

- Visit the EURES job mobility Web site, where you will find job vacancies, information on living and working conditions, labour market information as well as links to other useful information. There you can also make your CV available for potential employers all over Europe.

- Contact a local or regional employment office for advice. They may have a EURES adviser who can provide you with more personalised advice. He/she can check job offers in the EURES system and with EURES advisers in the country you propose to go to.

- Check the vacancy advertisements in the newspapers of your “host” country (major public libraries will usually receive them on a regular basis). Remember that many specialised magazines advertise vacancies for particular professional fields.

- Contact the host country Public Employment Service, who should be able to advise you. Remember that as an EEA national you have the same rights in another Member State as that State’s own citizens. Ask to speak to a EURES adviser who is experienced in helping foreign citizens. 

Other less common routes for finding a job

Remember that the most common way of getting information on job vacancies is through the Public Employment Service.

However, the following are also worth trying:

- In many Member States, there are private agencies, specifically geared towards finding temporary work. You should check if they charge for their services and find out the nature of their employment contracts beforehand.

- Private recruitment agencies also exist but usually target managerial level jobs or particular sectors such as computing or finance.

- For students, job fairs and career guidance centres can play a very important role in the job search.

- Spontaneous applications to firms are becoming increasingly common. You should find out as many details about the firm as you can, as success may depend on your ability to demonstrate how well you would fit into their structure and requirements. You should set out your application in a letter, giving your qualifications, experience and the reasons for your particular interest in the firm. Alternatively many companies have their own online recruitment sites, where you can sometimes submit an electronic application form.

- Networking is very important in most countries, as the first notification of many vacancies is often by word of mouth.

- Spending some time in the country of your choice on a traineeship or work placement is an ideal way of getting to know the country and provides the opportunity to job search on the spot. Many large companies organise such work placements. 

Points to consider when applying for a job

One of the most important elements is finding out how to get your qualifications recognised in the ’host’ country. The crucial point, for those with professional qualifications, is whether the profession is regulated or not. The regulated professions are those professions that are restricted to persons holding certain qualifications (lawyers, accountants, teachers, engineers, paramedics, doctors, dentists, veterinary surgeons, pharmacists and architects, for example). In some of these professions, a list of recognised and equivalent qualifications has been established, while in others, the equivalence is judged on a case-by-case basis, taking into account the course length and content. If your profession is not a regulated one, you may start practising as soon as you get a job, but you must observe any necessary procedures applicable to that profession in the host country, and which may be different to what you are used to.

What other points need to be considered?

You should ensure that you have drawn up a clear, well-structured Curriculum Vitae, targeted towards the specific job. You should also get it translated into the host country language, together with your qualifications (see above). Most Member States expect the subject of your degree or diploma to be directly related to the job applied for, while others place less importance is placed on this. The EU has adopted a European Standard Curriculum Vitae. Suitable for both vocational and academic graduates, this CV gives a clear picture of a candidate’s aptitude and skills across EU-borders. The CV format is currently available in 13 languages representing the Member States, Iceland, Switzerland, Norway and can be downloaded from the EURES portal.

How to prepare for a job interview?

As in your home country, you should prepare yourself thoroughly for a job interview. Make sure you have background information on the firm and be ready to ask questions both about them and particular aspects of the job. You will also be expected to prove your command of the host country language and illustrate how your key skills and attributes fit in with the employers' requirements for that particular job. Many large firms throughout the EU use assessment centres to judge how potential employees would perform in real life situations.

What documents to bring with you to the interview?

Usually you will need:

- several copies of your CV in the appropriate language;

- a certified translation of your diploma (usually available from your education institute or the relevant ministry);

- photocopies of your school leavers certificate, university degree or other qualification;

- your passport or a valid identity card;

- a copy of your birth certificate;

- the appropriate E-form entitling you to health care coverage (eg. E111); and

- some passport photos.

Can I transfer my unemployment benefit if I move to another EEA Member State without having a job offer?

If you are currently out of work and you want to look for a job in another EEA country, you may transfer your unemployment benefit for 3 months. However, there are strict rules and conditions for the transferring of benefits and you are therefore advised to contact your local employment service or the appropriate benefits agency before taking any action. If you have not found a job after 3 months, you may be asked to leave, though the authorities may be lenient if you can prove that your chances of finding a job are good. Other sections such as the "Living and Working" section contains further useful information on this.

 



Siti amici:  Lonweb Daisy Stories English4Life
 
Sito segnalato da INGLESE.IT

 

 
CONDIZIONI DI USO DI QUESTO SITO
L'utente può utilizzare il nostro sito solo se comprende e accetta quanto segue:

  • Le risorse linguistiche gratuite presentate in questo sito si possono utilizzare esclusivamente per uso personale e non commerciale con tassativa esclusione di ogni condivisione comunque effettuata. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione anche parziale è vietata senza autorizzazione scritta.
  • Il nome del sito EnglishGratis è esclusivamente un marchio e un nome di dominio internet che fa riferimento alla disponibilità sul sito di un numero molto elevato di risorse gratuite e non implica dunque alcuna promessa di gratuità relativamente a prodotti e servizi nostri o di terze parti pubblicizzati a mezzo banner e link, o contrassegnati chiaramente come prodotti a pagamento (anche ma non solo con la menzione "Annuncio pubblicitario"), o comunque menzionati nelle pagine del sito ma non disponibili sulle pagine pubbliche, non protette da password, del sito stesso.
  • La pubblicità di terze parti è in questo momento affidata al servizio Google AdSense che sceglie secondo automatismi di carattere algoritmico gli annunci di terze parti che compariranno sul nostro sito e sui quali non abbiamo alcun modo di influire. Non siamo quindi responsabili del contenuto di questi annunci e delle eventuali affermazioni o promesse che in essi vengono fatte!
  • Coloro che si iscrivono alla nostra newsletter (iscrizione caratterizzatalla da procedura double opt-in) accettano di ricevere saltuariamente delle comunicazioni di carattere informativo sulle novità del sito e, occasionalmente, delle offerte speciali relative a prodotti linguistici a pagamento sia nostri che di altre aziende. In ogni caso chiunque può disiscriversi semplicemente cliccando sulla scritta Cancella l'iscrizione che si trova in fondo alla newsletter, non è quindi necessario scriverci per chiedere esplicitamente la cancellazione dell'iscrizione.
  • L'utente, inoltre, accetta di tenere Casiraghi Jones Publishing SRL indenne da qualsiasi tipo di responsabilità per l'uso - ed eventuali conseguenze di esso - degli esercizi e delle informazioni linguistiche e grammaticali contenute sul siti. Le risposte grammaticali sono infatti improntate ad un criterio di praticità e pragmaticità più che ad una completezza ed esaustività che finirebbe per frastornare, per l'eccesso di informazione fornita, il nostro utente.

     

    ENGLISHGRATIS.COM è un sito di Casiraghi Jones Publishing SRL
    Piazzale Cadorna 10 - 20123 Milano - Italia
    Tel. 02-78622122 - email:
    Iscritta al Registro Imprese di MILANO - C.F. e PARTITA IVA: 11603360154
    Iscritta al R.E.A. di Milano n.1478561 • Capitale Sociale
    10.400 interamente versato

    Roberto Casiraghi                                                                                Crystal Jones