TESTI PARALLELI – La Commissione avvia una consultazione pubblica sull’ultima strategia macroregionale dell’UE per la Regione Alpina

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 16-07-2014

 

 

Commission launches public consultation on the EU’s latest Macro-Regional Strategy for the Alpine Region
La Commissione avvia una consultazione pubblica sull’ultima strategia macroregionale dell’UE per la Regione Alpina

The European Commission has today launched a public consultation on the latest of a series of EU Macro-Regional Strategies, set to take shape in 2015.
La Commissione europea ha avviato oggi una consultazione pubblica sull’ultima di una serie di strategie macroregionali dell’UE destinata a concretizzarsi nel 2015.

The EU Strategy for the Alpine Region (EUSALP) covers some 70 million people in 7 countries – 5 of them EU Member States (Austria, France, Germany, Italy and Slovenia) and 2 non-EU countries (Liechtenstein and Switzerland), all-in-all covering some 48 regions.
La strategia dell’UE per la Regione Alpina (EUSALP) interessa circa 70 milioni di persone in sette paesi – cinque di essi Stati membri dell’UE (Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia) e due paesi terzi (Liechtenstein e Svizzera), per un totale di circa 48 regioni.

The call for submissions aims to tap into the opinions of relevant stakeholders and to gather their ideas in order to ensure that the Strategy is realistic in its starting point, appropriate in its objectives and responsive to the real needs of inhabitants of the Region.
L’invito a partecipare alla consultazione intende raccogliere le opinioni e le idee degli stakeholder pertinenti per assicurare che la strategia parta da basi realistiche, abbia obiettivi appropriati e risponda alle esigenze reali degli abitanti della regione.

European Commissioner for Regional Policy, Johannes Hahn commented:
Johannes Hahn, Commissario europeo responsabile per la Politica regionale, ha commentato:

“This is the first stepping stone to a strategy that should be specifically tailored to the needs of the Alpine macro-region.
“Poniamo qui la prima pietra di una strategia che sarà specificamente configurata per rispondere alle esigenze della macroregione alpina.

Continue reading TESTI PARALLELI – La Commissione avvia una consultazione pubblica sull’ultima strategia macroregionale dell’UE per la Regione Alpina

TESTI PARALLELI- Sfruttare al meglio il know-how tradizionale dell’Europa: la Commissione avvia una consultazione pubblica sulla protezione delle indicazioni geografiche per i prodotti non agricoli

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 15-07-2014

 

 

Making the most of Europe’s traditional know-how: Commission launches public consultation on the protection of geographical indications for non-agricultural products
Sfruttare al meglio il know-how tradizionale dell’Europa: la Commissione avvia una consultazione pubblica sulla protezione delle indicazioni geografiche per i prodotti non agricoli

The European Commission has today launched a Green Paper consultation on a possible extension of geographical indication protection to non-agricultural products.
La Commissione europea ha avviato oggi una consultazione sul Libro verde riguardante una possibile estensione della protezione delle indicazioni geografiche ai prodotti non agricoli.

In today’s globalised world, consumers are looking for ways to identify authentic, original products, and expect that the quality and specific features advertised actually correspond to reality.
Nell’odierno mondo globalizzato i consumatori cercano di identificare i prodotti autentici ed originali e auspicano che la qualità e le caratteristiche specifiche pubblicizzate corrispondano effettivamente alla realtà.

A geographical indication (GI) identifies goods as originating from a country, region or locality where a particular quality, reputation or other characteristic of the product is linked to its geographical origin, for example Bordeaux wine, Murano glass or Parma ham.
Un’indicazione geografica (IG) identifica come originari di un paese, di una regione o di una località i prodotti per i quali una determinata qualità, la reputazione o un’altra caratteristica dipende dall’origine geografica: il vino di Bordeaux, il vetro di Murano o il prosciutto di Parma costituiscono un esempio.

Continue reading TESTI PARALLELI- Sfruttare al meglio il know-how tradizionale dell’Europa: la Commissione avvia una consultazione pubblica sulla protezione delle indicazioni geografiche per i prodotti non agricoli

TESTI PARALLELI – Acquisti all’interno di applicazioni (in-app): un’azione congiunta della Commissione europea e degli Stati membri porta ad una migliore protezione dei consumatori nei giochi on line

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 18-07-2014

 

 

In-app purchases: Joint action by the European Commission and Member States is leading to better protection for consumers in online games
Acquisti all’interno di applicazioni (in-app): un’azione congiunta della Commissione europea e degli Stati membri porta ad una migliore protezione dei consumatori nei giochi on line

Following a large number of complaints in EU countries concerning in-app purchases in online games and in particular inadvertent purchases by children, national authorities joined forces with the European Commission to find solutions.
In seguito a un gran numero di denunce presentate nei paesi dell’UE in merito agli acquisti all’interno di applicazioni (in-app) nei giochi on line, e in particolare gli acquisti inconsci fatti da bambini, le autorità nazionali si sono unite alla Commissione europea per cercare una soluzione.

The coordinated enforcement action in the EU on in-app purchases in online and mobile games has made real progress in delivering tangible results.
L’azione coordinata di enforcement condotta nell’UE in merito agli acquisti all’interno di applicazioni on line e di giochi sui telefoni cellulari ha compiuto progressi reali verso la realizzazione di risultati tangibili.

Industry has made a number of engagements which seek to address consumer concerns.
L’industria ha sottoscritto una serie di impegni al fine di tener conto delle preoccupazioni dei consumatori.

The action will increase consumer confidence in the fast-growing “app” sector.
Questa azione ha accresciuto la fiducia dei consumatori nel settore in rapida crescita delle “app”.

“This is the very first enforcement action of its kind in which the European Commission and national authorities joined forces.
“È la prima azione di enforcement di questo tipo che vede la Commissione europea e le autorità nazionali riunire i loro sforzi.

Continue reading TESTI PARALLELI – Acquisti all’interno di applicazioni (in-app): un’azione congiunta della Commissione europea e degli Stati membri porta ad una migliore protezione dei consumatori nei giochi on line

LISTENING CON I SOTTOTITOLI – 31 Days of ‘Dunctober’ – DAY 30

In questo nuovo tipo di risorsa, realizzata da Misterduncan, assistiamo ad una vera e propria lezione di inglese britannico ma con una novità: la presenza dei sottotitoli inglesi (se dovessero essere coperti da una striscia di pubblicità, rimuovete prima la striscia cliccando sul simbolo X). In questo modo sarà possibile fare un utile esercizio di listening con la certezza di poter verificare se abbiamo capito correttamente. In alternativa, possiamo scegliere di vedere il video in modo da beneficiare dell’effetto positivo sulla comprensione e sulla memorizzazione determinato dalla contemporanea visione dei sottotitoli. Così l’inglese diventa davvero godibile e divertente (e se non capite qualche parola, indicatecelo nei commenti e vi risponderemo!).

LISTENING CON I SOTTOTITOLI – 31 Days of ‘Dunctober’ – DAY 30

TESTI PARALLELI – Cielo unico europeo: la Commissione esorta diciotto Stati membri a fare un passo decisivo verso la gestione comune dello spazio aereo

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 10-07-2014

 

 

Single European Sky: Commission urges eighteen Member States to make a decisive move towards common airspace management
Cielo unico europeo: la Commissione esorta diciotto Stati membri a fare un passo decisivo verso la gestione comune dello spazio aereo

Today the Commission has formally requested Austria, Bulgaria, Croatia, Cyprus, Czech Republic, Greece, Hungary, Ireland, Italy, Lithuania, Malta, Poland, Portugal, Romania, Slovakia, Slovenia, Spain and United Kingdom, members of six different Functional Airspace Blocks (FABs) to improve their FABs, a common airspace arranged around traffic flows rather than state boundaries.
Oggi la Commissione ha chiesto formalmente ad Austria, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica ceca, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Malta, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Regno Unito, membri di sei diversi blocchi funzionali di spazio aereo (Functional Airspace Blocks – FAB), di migliorare i loro FAB, che costituiscono uno spazio aereo comune organizzato attorno ai flussi di traffico anziché ai confini nazionali.

FABs are a crucial step towards a more efficient, less costly and less polluting aviation system in Europe.
I FAB rappresentano un passo fondamentale verso un sistema di trasporto aereo europeo più efficace, meno costoso e meno inquinante.

Commission Vice-President Siim Kallas, responsible for transport, said:
Siim Kallas, Vicepresidente e Commissario per i Trasporti, ha dichiarato:

“we have to finally overcome national borders in the European airspace.
“Dobbiamo superare definitivamente i confini nazionali nello spazio aereo europeo.

Continue reading TESTI PARALLELI – Cielo unico europeo: la Commissione esorta diciotto Stati membri a fare un passo decisivo verso la gestione comune dello spazio aereo

TESTI PARALLELI – Salviamo Pompei con i Fondi regionali dell’UE: il commissario Hahn firma un piano d’azione con l’Italia per conservare una “perla del patrimonio culturale europeo”

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 17-07-2014

 

 

Saving Pompeii with EU Regional Funds: Commissioner Hahn signs Action Plan with Italy to preserve ‘jewel of European cultural heritage’
Salviamo Pompei con i Fondi regionali dell’UE: il commissario Hahn firma un piano d’azione con l’Italia per conservare una “perla del patrimonio culturale europeo”

Today, EU Commissioner for Regional Policy, Johannes Hahn, is travelling to Pompeii – the world famous archaeological site, to sign an “Action Plan” with the Italian authorities to accelerate work on the EU’s major project to preserve the site.
Johannes Hahn, Commissario europeo responsabile per la Politica regionale, si reca oggi a Pompei, il sito archeologico di fama mondiale, per firmare un “piano d’azione” con le autorità italiane al fine di accelerare l’implementazione di questo importante progetto dell’UE per la conservazione del sito.

The Action Plan sets down specific measures and targets to complete the project, which is being supported by €78 million worth of investment through the European Regional Development Fund (ERDF).
Il piano d’azione delinea misure e obiettivi specifici per il completamento del progetto, che riceve investimenti per un valore di 78 milioni di euro dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR).

Speaking ahead of the visit, Commissioner for Regional Policy, Johannes Hahn said:
Esprimendosi alla vigilia di questa visita, il Commissario per la Politica regionale Johannes Hahn ha affermato:

“The importance of Pompeii and the EU supported major project to preserve it cannot be overstated.
“È impossibile sopravvalutare l’importanza di Pompei e del grande progetto supportato dall’UE per la conservazione del sito.

There is a real urgency to accelerate and intensify our efforts.
Dobbiamo accelerare e intensificare i nostri sforzi senza indugio.

Continue reading TESTI PARALLELI – Salviamo Pompei con i Fondi regionali dell’UE: il commissario Hahn firma un piano d’azione con l’Italia per conservare una “perla del patrimonio culturale europeo”

TESTI PARALLELI – Uno studio cartografa per la prima volta le politiche di ristorazione scolastica nell’UE

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 16-07-2014

 

 

Study maps EU school food policies for the first time
Uno studio cartografa per la prima volta le politiche di ristorazione scolastica nell’UE

As part of the European Commission’s efforts to help reduce childhood obesity, the Commission’s in-house science service, the Joint Research Centre (JRC), has published the first comprehensive report on school food policies in Europe. It shows that European countries acknowledge the important contribution of school food to children’s health, development and performance at school.
Nel quadro delle azioni intraprese dalla Commissione europea per contribuire a ridurre l’obesità infantile, il servizio scientifico interno della Commissione, il Centro comune di ricerca (CCR), ha pubblicato la prima relazione completa sulle politiche di ristorazione scolastica in Europa, da cui emerge l’importanza attribuita dai paesi europei al contributo della ristorazione scolastica per la salute, lo sviluppo e i risultati scolastici dei bambini.

All the countries studied (28 European Member States + Norway and Switzerland) have guidelines for school food, although these vary considerably.
In tutti i paesi esaminati (i 28 Stati membri dell’UE + Norvegia e Svizzera) sono stati emanati orientamenti in materia di ristorazione scolastica, che variano tuttavia notevolmente.

National measures aimed at promoting healthy diets in schools range from voluntary guidelines, for example for menus and portion sizes, to complete bans, including on marketing, of vending machines and sugar-sweetened drinks.

Le misure nazionali per promuovere un’alimentazione sana nelle scuole prevedono orientamenti volontari, ad esempio per i menù e le quantità, ma anche divieti assoluti, tra l’altro in materia di commercializzazione, di distributori automatici e di bevande zuccherate.

Commissioner for Health Tonio Borg said:
Tonio Borg, Commissario responsabile per la Salute, ha dichiarato:

Continue reading TESTI PARALLELI – Uno studio cartografa per la prima volta le politiche di ristorazione scolastica nell’UE

TESTI PARALLELI – Un nuovo inizio per l’Europa – Il mio programma per l’occupazione, la crescita, l’equità e il cambiamento democratico

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da: questa pagina
 
Data documento: 15-07-2014

 

 

A new start for Europe: My agenda for Jobs, Growth, Fairness and Democratic Change
Un nuovo inizio per l’Europa – Il mio programma per l’occupazione, la crescita, l’equità e il cambiamento democratico

Today Jean-Claude Juncker was elected President of the European Commission by a strong majority of 422 votes in the European Parliament plenary session.
Oggi Jean-Claude Juncker è stato eletto Presidente della Commissione europea, con una forte maggioranza di 422 voti, durante la plenaria del Parlamento europeo.

After being proposed as candidate for Commission President by the European Council on 27 June 2014, Jean-Claude Juncker needed a majority of 376 votes in the European Parliament.
Dopo essere stato proposto come candidato alla carica di Presidente della Commissione dal Consiglio europeo del 27 giugno 2014, Jean-Claude Juncker aveva bisogno di una maggioranza di 376 voti al Parlamento europeo.

Speaking ahead of the vote, he presented his political guidelines for the next European Commission as set out in a document entitled ‘A new start for Europe: My agenda for Jobs, Growth, Fairness and Democratic Change’.
Prima del voto ha presentato i suoi orientamenti politici per la prossima Commissione europea, contenuti in un documento intitolato “Un nuovo inizio per l’Europa – Il mio programma per l’occupazione, la crescita, l’equità e il cambiamento democratico”.

These guidelines are the basis in which Jean-Claude Juncker was elected today.
Oggi Jean-Claude Juncker è stato eletto sulla base di questi orientamenti.

The following are the key quotes from Candidate for President of the European Commission Jean-Claude Juncker’s intervention:
Di seguito i punti più salienti dell’intervento del candidato alla carica di Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker:

Continue reading TESTI PARALLELI – Un nuovo inizio per l’Europa – Il mio programma per l’occupazione, la crescita, l’equità e il cambiamento democratico

TESTI PARALLELI – Gioco d’azzardo on-line: la Commissione raccomanda principi intesi a tutelare efficacemente i consumatori

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 14-07-2014

Online gambling: Commission recommends principles to ensure effective protection of consumers
Gioco d’azzardo on-line: la Commissione raccomanda principi intesi a tutelare efficacemente i consumatori

The European Commission has today adopted a Recommendation on online gambling services. It encourages Member States to pursue a high level of protection for consumers, players and minors through the adoption of principles for online gambling services and for responsible advertising and sponsorship of those services.
La Commissione europea ha adottato oggi una raccomandazione sui servizi di gioco d’azzardo on-line che incoraggia gli Stati membri a realizzare un livello elevato di protezione per i consumatori, gli utenti e i minori grazie all’adozione di principi relativi ai servizi di gioco d’azzardo on-line e alla pubblicità e sponsorizzazione responsabile di questi servizi.

The aims of the principles are to safeguard health and to minimise the eventual economic harm that may result from compulsive or excessive gambling.
Detti principi mirano a salvaguardare la salute e a ridurre al minimo gli eventuali danni economici che possono derivare dal gioco d’azzardo eccessivo o compulsivo.

“Today’s Recommendation delivers one of the core elements of the Commission’s 2012 action plan on online gambling services” said Vice-President Michel Barnier, responsible for Internal Market and Services.
“La raccomandazione odierna costituisce uno degli elementi essenziali del piano d’azione 2012 della Commissione sui servizi di gioco d’azzardo on-line” ha dichiarato Michel Barnier, Vicepresidente e Commissario responsabile per il Mercato interno e i servizi.

“We must better protect all citizens, and in particular our children, from the risks associated with gambling.
“Dobbiamo tutelare più efficacemente tutti i cittadini, i minori in particolare, dai rischi associati al gioco d’azzardo.

We now look to the Member States, but also to online gambling operators, to match our ambition for a high level of consumer protection throughout the EU in this fast growing digital sector.”
Ci rivolgiamo adesso agli Stati membri, ma anche ai gestori di gioco d’azzardo on-line, per realizzare insieme la nostra volontà di garantire ai consumatori un livello di protezione elevato in tutta l’UE in questo settore digitale in rapida espansione.”

Continue reading TESTI PARALLELI – Gioco d’azzardo on-line: la Commissione raccomanda principi intesi a tutelare efficacemente i consumatori

TESTI PARALLELI – La Commissione sollecita l’Italia a garantire che l’acqua destinata al consumo umano sia salubre e pulita

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 10-07-2014

 

 

Commission urges Italy to ensure that water intended for human consumption is healthy and clean
La Commissione sollecita l’Italia a garantire che l’acqua destinata al consumo umano sia salubre e pulita

The European Commission is opening infringement proceedings against Italy for its failure to ensure that water intended for human consumption meets European standards.
La Commissione europea apre una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia per la sua incapacità di garantire che l’acqua destinata al consumo umano sia conforme alle norme europee.

Water contamination from arsenic and fluoride is a long-standing problem in Italy, and for the Latium Region in particular.
La contaminazione dell’acqua da arsenico e fluoro è un problema annoso in Italia, in particolare nel Lazio.

Under the Drinking Water Directive, Member States have to monitor and test water used for human consumption using 48 microbiological, chemical and indicator parameters.
La direttiva sull’acqua potabile impone agli Stati membri di controllare e testare l’acqua destinata al consumo umano in base a 48 parametri microbiologici e chimici e indicatori.

If high levels of arsenic or other pollutants are found, Member States may derogate from the thresholds established by the directive for a limited period of time, provided there is no potential danger to human health, and provided the supply for human consumption cannot be maintained by any other reasonable means.
Se si riscontrano nell’acqua livelli elevati di arsenico o di altri inquinanti, gli Stati membri possono derogare per un periodo limitato di tempo ai valori limite fissati dalla direttiva, purché la deroga non presenti un potenziale pericolo per la salute umana e l’approvvigionamento delle acque destinate al consumo umano nella zona interessata non possa essere mantenuto con nessun altro mezzo congruo.

Continue reading TESTI PARALLELI – La Commissione sollecita l’Italia a garantire che l’acqua destinata al consumo umano sia salubre e pulita

TESTI PARALLELI – Un altro anno da record per Erasmus

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 10-07-2014

 

 

Another record-breaking year for Erasmus
Un altro anno da record per Erasmus

The latest Erasmus statistics released by the European Commission today reveal that nearly 270 000 students – a new record – benefitted from EU grants to study or train abroad in 2012-2013.
Le ultime statistiche relative a Erasmus pubblicate oggi dalla Commissione europea indicano che circa 270 000 studenti, una nuova cifra da record, hanno beneficiato di borse unionali per studiare o ricevere una formazione all’estero nel 2012-2013.

While studying at another university continues to be the most popular choice, one in five students (55 000) opted for Erasmus job placements in companies.
Se lo studio presso un’altra università continua ad essere la scelta più popolare, uno studente su cinque (55 000) ha optato per tirocini Erasmus presso imprese.

The three most popular destinations for Erasmus students in 2012-2013 were Spain, Germany and France.
Nel 2012-2013 le tre destinazioni più popolari tra gli studenti Erasmus sono state la Spagna, la Germania e la Francia.

Countries sending the highest number of students as a proportion of their graduate population were Luxembourg, Liechtenstein, Finland, Latvia and Spain.
I paesi che hanno inviato il numero maggiore di studenti in proporzione alla loro popolazione diplomata sono stati il Lussemburgo, il Liechtenstein, la Finlandia, la Lettonia e la Spagna.

“For 27 years, Erasmus has enabled students to spend time abroad to broaden their horizons and improve their skills.
“Da 27 anni Erasmus consente agli studenti di trascorrere un periodo all’estero per ampliare i propri orizzonti e migliorare le proprie competenze.

Continue reading TESTI PARALLELI – Un altro anno da record per Erasmus

LISTENING CON I SOTTOTITOLI – 31 Days of ‘Dunctober’ – DAY 29

In questo nuovo tipo di risorsa, realizzata da Misterduncan, assistiamo ad una vera e propria lezione di inglese britannico ma con una novità: la presenza dei sottotitoli inglesi (se dovessero essere coperti da una striscia di pubblicità, rimuovete prima la striscia cliccando sul simbolo X). In questo modo sarà possibile fare un utile esercizio di listening con la certezza di poter verificare se abbiamo capito correttamente. In alternativa, possiamo scegliere di vedere il video in modo da beneficiare dell’effetto positivo sulla comprensione e sulla memorizzazione determinato dalla contemporanea visione dei sottotitoli. Così l’inglese diventa davvero godibile e divertente (e se non capite qualche parola, indicatecelo nei commenti e vi risponderemo!).

LISTENING CON I SOTTOTITOLI – 31 Days of ‘Dunctober’ – DAY 29

TESTI PARALLELI – L’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile: 1,1 miliardi di euro di contributi unionali per affrontare la disoccupazione giovanile in Italia

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 11-07-2014

 

 

Youth Employment Initiative: €1.1 billion of EU money to tackle youth unemployment in Italy
L’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile: 1,1 miliardi di euro di contributi unionali per affrontare la disoccupazione giovanile in Italia

The European Commission has adopted today the national Operational Programme for the implementation of the Youth Employment Initiative (YEI) in Italy.
La Commissione europea ha adottato oggi il programma operativo nazionale per l’implementazione dell’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile (YEI) in Italia.

This is the second YEI Operational Programme adopted by the European Commission, after the first in France last month (IP/14/622), as part of the €6 billion Youth Employment Initiative for which 20 Member States (with regions with youth unemployment over 25%) are eligible.
Questo è il secondo programma operativo YEI adottato dalla Commissione europea, dopo quello francese del mese scorso (IP/14/622) nel contesto dell’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile, con una dotazione di 6 miliardi di euro di cui possono beneficiare 20 Stati membri (che hanno regioni in cui la disoccupazione giovanile supera il 25%).

Under this Programme, Italy will mobilise €1.5 billion from various sources, including €1.1 billion from the European budget (Youth Employment Initiative and the European Social Fund), to help young people to find a job.
Nell’ambito di questo programma l’Italia mobiliterà 1,5 miliardi di euro da diverse fonti, tra cui 1,1 miliardi di euro a valere sul bilancio europeo (iniziativa a favore dell’occupazione giovanile e Fondo sociale europeo)per aiutare i giovani a trovare lavoro.

Italy is the second largest recipient of Youth Employment Initiative funds (over €530 million), which will be spent in almost all Italian regions under the coordination of the Ministry of Labour.
L’Italia è il secondo maggior destinatario di finanziamenti a titolo dell’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile (più di 530 milioni di euro) che verranno utilizzati in quasi tutte le regioni italiane sotto il coordinamento del ministero del Lavoro.

Continue reading TESTI PARALLELI – L’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile: 1,1 miliardi di euro di contributi unionali per affrontare la disoccupazione giovanile in Italia

TESTI PARALLELI – Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile: la Commissione e gli Stati membri si incontrano per accelerare l’implementazione di un fondo specifico da 6 miliardi di euro

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento:08-07-2014

 

 

Youth Employment Initiative: Commission and Member States meet to speed up implementation of €6bn euro dedicated fund
Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile: la Commissione e gli Stati membri si incontrano per accelerare l’implementazione di un fondo specifico da 6 miliardi di euro

Experts from the European Commission and Member States are meeting in Brussels on 11th July to accelerate the programming arrangements and practical implementation of the Youth Employment Initiative at a special seminar organised by the Commission.
L’11 luglio esperti della Commissione europea e degli Stati membri si riuniscono a Bruxelles per accelerare la programmazione e l’implementazione pratica dell’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile nell’ambito di un seminario specifico organizzato dalla Commissione.

The aim of the seminar is to work jointly on the programming of measures financed by the Youth Employment Initiative so that all eligible Member States can start receiving the funds as soon as possible.
Obiettivo del seminario è lavorare insieme sulla programmazione delle misure finanziate dall’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile, in modo che tutti gli Stati membri ammissibili a fruirne possano ricevere quanto prima i finanziamenti.

Commissioner for Employment, Social Affairs and Inclusion László Andor commented :
László Andor, Commissario responsabile per l’Occupazione, gli affari sociali e l’inclusione, ha commentato:

“Many Member States are actively implementing measures to make the Youth Guarantee a reality with the support of the 6 billion euros available from the Youth Employment Initiative and of the European Social Fund, worth over 10 billion euros every year.
“Molti Stati membri stanno implementando attivamente delle misure per tradurre nella realtà il sistema di Garanzia per i giovani grazie all’apporto dei 6 miliardi di euro a valere sull’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile e grazie al sostegno del Fondo sociale europeo che ammonta a più di 10 miliardi di euro all’anno.

The YEI funding has a crucial role to play since it shall directly support young people by providing a first job experience, a traineeship, an apprenticeship or training courses.
Il finanziamento IOG è chiamato a svolgere un ruolo essenziale poiché sosterrà direttamente i giovani offrendo loro una prima esperienza lavorativa, un tirocinio, un apprendistato o dei corsi di formazione.

Continue reading TESTI PARALLELI – Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile: la Commissione e gli Stati membri si incontrano per accelerare l’implementazione di un fondo specifico da 6 miliardi di euro

TESTI PARALLELI DALL’ITALIANO – POS obbligatorio: le reazioni di commercianti e artigiani #tePOSsino

Inglese tratto da: http://www.beppegrillo.it/eng/
Italiano tratto da: http://www.beppegrillo.it/

Creative Commons License photo credit: Greg_e 
Testi di Beppe Grillo riprodotti dal sito a norma della licenza Creative Commons

 

 

Data documento: 11-07-2014

POS obbligatorio: le reazioni di commercianti e artigiani #tePOSsino
Obligatory electronic payment: the reactions of shopkeepers and service providers #tePOSsino

Il M5S da sempre è a fianco delle PMI.
The M5S has always been in support of the SMEs.

Per questo attraverso una risoluzione in commissione Finanze abbiamo chiesto al Governo di:
This is why we have put forward a resolution to the Finance Committee to ask the Government to take the following actions:

1) fare in modo che fino al 30 giugno 2015 l’obbligo riguardi soltanto i soggetti con almeno 200mila euro di fatturato;
1) Up until 30 June 2015 the obligation must apply only to those whose turnover is at least 200 thousand euro;

2) escludere dal vincolo tutte le nuove attività per almeno due anni;
2) exclude all start-ups from the obligation for at least two years;

3) prevedere che i costi delle transazioni siano a carico delle banche.
3) lay down that the transaction costs are borne by the banks.

Continue reading TESTI PARALLELI DALL’ITALIANO – POS obbligatorio: le reazioni di commercianti e artigiani #tePOSsino

TESTI PARALLELI – Azione per il clima: la Commissione finanzia progetti per la produzione di energia pulita in Europa con i soldi di chi inquina

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 08-07-2014

 

 

Climate action: Commission uses polluters’ revenues to fund clean energy projects across Europe
Azione per il clima: la Commissione finanzia progetti per la produzione di energia pulita in Europa con i soldi di chi inquina

The European Commission today awarded €1 billion funding to 19 projects to fight climate change under the second call of the so-called NER 300 funding programme.
La Commissione europea ha aggiudicato oggi 1 miliardo di euro di finanziamenti a 19 progetti per la lotta contro i cambiamenti climatici nel quadro del secondo invito a presentare proposte per il cosiddetto programma di finanziamento NER 300.

The funding for the projects comes from revenues resulting from the sale of emission allowances in the EU Emissions Trading System.
Le risorse per il finanziamento dei progetti provengono da entrate derivanti dalla vendita di quote di emissione nel sistema ETS dell’UE.

This makes the polluters the driving force behind developing new low-carbon initiatives.
In questo modo chi inquina diventa l’elemento propulsivo dello sviluppo di nuove iniziative a bassa emissione di carbonio.

The funding will be used to demonstrate technologies that will subsequently help to scale-up production from renewable energy sources across the EU as well as those that can remove and store carbon emissions.
Le risorse finanzieranno la dimostrazione di tecnologie che contribuiranno in seguito ad accrescere in tutta l’UE la produzione da fonti di energia rinnovabili, oltre che tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio emesso.

Continue reading TESTI PARALLELI – Azione per il clima: la Commissione finanzia progetti per la produzione di energia pulita in Europa con i soldi di chi inquina

TESTI PARALLELI – Far rispettare meglio i diritti dei consumatori: verso un vero e proprio mercato unico per i consumatori

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 07-07-2014

 

 

Better enforcing consumer rights: Towards a true Single Market for Consumers
Far rispettare meglio i diritti dei consumatori: verso un vero e proprio mercato unico per i consumatori

Speaking today in Rome, Commissioner for Consumer Policy Neven Mimica sets out his views as to the need for greater co-operation in enforcing consumer rights across the Single market.
Prendendo oggi la parola a Roma, Neven Mimica, Commissario responsabile per la Politica dei consumatori, si è espresso sulla necessità di una maggiore cooperazione per far rispettare i diritti dei consumatori in tutto il mercato unico.

“Strict enforcement is key.
“Il rigore nell’enforcement è essenziale.

Consumer rights that exist on paper only do not help consumers.
Diritti dei consumatori che siano soltanto sulla carta non servono.

Effective enforcement of consumer legislation is essential in turning rights on paper, into tangible benefits for consumers in practice.
Un’applicazione efficace della legislazione consumeristica è essenziale per trasformare questi diritti dalla carta in benefici tangibili per i consumatori nella pratica.

Enforcement co-operation not only leads to a better functioning Single Market for consumers, but also brings benefits for enterprises through more transparency; more competition; a level-playing field and legal certainty for companies.
La cooperazione tra le autorità di contrasto non determina soltanto un mercato unico che funziona meglio per i consumatori, ma reca anche vantaggi alle imprese assicurando maggiore trasparenza, maggiore concorrenza, condizioni eque e sicurezza del diritto per le imprese.

Continue reading TESTI PARALLELI – Far rispettare meglio i diritti dei consumatori: verso un vero e proprio mercato unico per i consumatori

TESTI PARALLELI DALL’ITALIANO – Immigrazione, il primo risultato del M5S

Inglese tratto da: http://www.beppegrillo.it/eng/
Italiano tratto da: http://www.beppegrillo.it/

Creative Commons License photo credit: Greg_e 
Testi di Beppe Grillo riprodotti dal sito a norma della licenza Creative Commons

 

 

Data documento: 06-07-2014

Immigrazione, il primo risultato del M5S
Immigration, the first M5S result

“Questa settimana una senatrice italiana del Movimento 5 stelle, Cristina De Pietro, è riuscita a far approvare a livello internazionale una risoluzione sull’immigrazione che poggia proprio su questi principi – quindi importante – in occasione della sessione annuale dell’Assemblea Parlamentare dell’Osce, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce – Organization for Security and Co-operation in Europe nella terminologia anglosassone) che quest’anno si è tenuta a Baku, in Azerbaijan.
“This week an Italian 5 Star MoVement senator, Cristina De Pietro, managed to achieve international approval for a resolution about immigration based on important principles, at the annual session of the OSCE Parliamentary Assembly (OSCE – Organization for Security and Co-operation in European) held this year in Baku, in Azerbaijan.

L’Osce è un ente internazionale che promuove la pace, il dialogo politico, la giustizia e la cooperazione in Europa.
The OSCE is an international body that promotes peace, political dialogue, justice and cooperation in Europe.

Ne fanno parte 57 nazioni per un totale di 2 miliardi di persone, è quindi la più grande organizzazione regionale per la sicurezza.
There are 57 participating nations with a total of 2 billion people, it is thus the biggest regional organization for security.

Nella prima risoluzione internazionale della legislatura ad essere approvata a livello internazionale si esortano i paesi membri Osce che sono anche membri dell’Unione Europea a riformare il cosiddetto “sistema di Dublino” e, in particolare, del Regolamento n. 604 del 26 giugno 2013.
In the legislature’s first international resolution to be approved at an international level, the OSCE member countries that are also members of the EU are urged to reform the so called “Dublin system” and, in particular Regulation n. 604 dated 26 June 2013.

Continue reading TESTI PARALLELI DALL’ITALIANO – Immigrazione, il primo risultato del M5S

LISTENING CON I SOTTOTITOLI – 31 Days of ‘Dunctober’ – DAY 28

In questo nuovo tipo di risorsa, realizzata da Misterduncan, assistiamo ad una vera e propria lezione di inglese britannico ma con una novità: la presenza dei sottotitoli inglesi (se dovessero essere coperti da una striscia di pubblicità, rimuovete prima la striscia cliccando sul simbolo X). In questo modo sarà possibile fare un utile esercizio di listening con la certezza di poter verificare se abbiamo capito correttamente. In alternativa, possiamo scegliere di vedere il video in modo da beneficiare dell’effetto positivo sulla comprensione e sulla memorizzazione determinato dalla contemporanea visione dei sottotitoli. Così l’inglese diventa davvero godibile e divertente (e se non capite qualche parola, indicatecelo nei commenti e vi risponderemo!).

LISTENING CON I SOTTOTITOLI – 31 Days of ‘Dunctober’ – DAY 28

TESTI PARALLELI DALL’ITALIANO – Passaparola – Ucraina: 2014-1914 ? – Massimo Fini

Inglese tratto da: http://www.beppegrillo.it/eng/
Italiano tratto da: http://www.beppegrillo.it/

Creative Commons License photo credit: Greg_e 
Testi di Beppe Grillo riprodotti dal sito a norma della licenza Creative Commons

 

 

Data documento: 30-06-2014

Passaparola – Ucraina: 2014-1914 ? – Massimo Fini
Passaparola – The Ukraine: 2014-1914? – Massimo Fini

Il Passaparola di Massimo Fini, giornalista e scrittore
Journalist and author Massimo Fini’s Passaparola

Bisogna fare una premessa: esisteva fino a un quindicennio fa un principio di diritto internazionale che proibiva l’intervento militare nelle vicende interne di uno stato sovrano.
It has to be said that until some fifteen years ago there was a principle of international law that made it illegal for anyone to intervene militarily in the internal affairs of any sovereign state.

Era un principio abbastanza ragionevole, a mio avviso, per non creare una situazione di guerra di tutti contro tutti, questo principio fu sfondato dagli americani con intervento in Kosovo.
In my humble opinion, this was quite a reasonable principle that was aimed at preventing the development of a situation in which everyone was at war against everyone else, however, this principle was trashed by the Americans’ intervention in Kosovo.

Dopodiché è un po’ difficile accusare la Russia di essersi annessa la Crimea, perché naturalmente il Kosovo con gli americani non c’entrava assolutamente niente.
At this point it is rather difficult to accuse Russia of having annexed Crimea because naturally the Americans had absolutely nothing to do with Kosovo.

La Crimea era ed è una regione russofona che era stata data da Khrushchev all’Ucraina, ma la cosa aveva senso all’interno di una Unione Sovietica Federale, non aveva più senso in una situazione del genere.
At least Crimea was and still is a Russian speaking area that Khrushchev had given to the Ukraine even though something that made sense during the Federal Soviet Union era no longer makes any sense in the world we live in today.

Continue reading TESTI PARALLELI DALL’ITALIANO – Passaparola – Ucraina: 2014-1914 ? – Massimo Fini

TESTI PARALLELI – Secondo gli auditor della Corte, la vigilanza bancaria europea sta prendendo forma

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 02-07-2014

 

 

European banking supervision taking shape, say EU Auditors
Secondo gli auditor della Corte, la vigilanza bancaria europea sta prendendo forma

A report published today by the European Court of Auditors reveals that the Commission’s reform of banking sector legislation and the creation of the European Banking Authority were important first steps in response to the financial crisis.
In una relazione pubblicata oggi, la Corte dei conti europea rivela che la riforma della Commissione riguardante la normativa del settore bancario e la creazione dell’Autorità bancaria europea (ABE) ha rappresentato un primo passo importante per rispondere alla crisi finanziaria.

The European Banking Authority has provided the elements of a new regulatory and supervisory system for the banking sector, taking into account its resources and limited legal powers.
L’ABE ha fornito gli elementi di un nuovo sistema di regolamentazione e di vigilanza del settore bancario, pur considerando le risorse di cui disponeva e dei suoi limitati poteri giuridici.

However, shortcomings were identified in cross-border banking supervision, the assessment of the resilience of EU banks, and the promotion of consumer protection.
Sono state tuttavia individuate carenze nella vigilanza bancaria transfrontaliera, nella valutazione della resilienza delle banche dell’UE e nella promozione della protezione dei consumatori.

“The financial crisis sent shockwaves throughout the EU’s banking sector, resulting in the economic and sovereign debt crisis, and the EU acted to stabilise it”, stated Mr Milan Martin Cvikl, the ECA Member responsible for the report .
“La crisi finanziaria ha scosso tutto il settore bancario dell’UE, determinando la crisi economica e la crisi del debito sovrano, e l’UE è intervenuta per stabilizzarlo”, ha dichiarato Milan Martin Cvikl, Membro della Corte responsabile della relazione.

“However, the European Banking Authority lacks the authority to make or enforce decisions on supervisory convergence and had a limited legal mandate and staff to conduct the 2011 stress tests.
“L’Autorità bancaria europea non dispone però dell’autorità di formulare o applicare decisioni sulla convergenza della vigilanza e aveva un mandato giuridico limitato e personale non sufficiente per effettuare le prove di stress del 2011.

Continue reading TESTI PARALLELI – Secondo gli auditor della Corte, la vigilanza bancaria europea sta prendendo forma

TESTI PARALLELI – La Commissione esorta i governi a sfruttare il potenziale dei “big data”

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 02-07-2014

 

 

Commission urges governments to embrace potential of Big Data
La Commissione esorta i governi a sfruttare il potenziale dei “big data”

Data collection and exploitation is a growing phenomenon;
La raccolta e lo sfruttamento dei dati è un fenomeno in crescita:

in response to industry and grassroots demands the European Commission is today calling on national governments to wake-up to this “big data” revolution.
in risposta alle richieste dell’industria e della società civile la Commissione europea si appella oggi ai governi nazionali affinché abbraccino la rivoluzione dei “big data”.

Vice President @NeelieKroesEU said “It’s about time we focus on the positive aspects of big data.
La vicepresidente @NeelieKroesEU ha dichiarato: “È ora di concentrarsi sugli aspetti positivi dei big data.

Big data sounds negative and scary, and for the most part it isn’t.
Il termine suona negativo e temibile ma in realtà non lo è.

Leaders need to embrace big data.”
I leader devono aprirsi ai big data.”

Continue reading TESTI PARALLELI – La Commissione esorta i governi a sfruttare il potenziale dei “big data”

TESTI PARALLELI – Continuano a migliorare le condizioni di mercato per i consumatori

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 30-06-2014

 

 

Market conditions for consumers continue to improve
Continuano a migliorare le condizioni di mercato per i consumatori

There is an improved performance across all consumer markets finds the 10th Consumer Markets Scoreboard published today.
Secondo il 10° quadro di valutazione dei mercati dei beni di consumo, pubblicato in data odierna, si registra un miglioramento della performance dei mercati al consumo.

This improvement is particularly marked for goods markets, while services continue to be the main sources of dissatisfaction.
Tale miglioramento è particolarmente pronunciato per i mercati dei beni, mentre i servizi continuano a rappresentare la principale fonte di insoddisfazione.

“Consumers should be the master not the servant of the market,” said Commissioner for Consumer Policy Neven Mimica,
“I consumatori dovrebbero dominare il mercato, non subirlo,” ha dichiarato Neven Mimica, Commissario per la Politica dei consumatori.

“The Consumer Markets Scoreboard we publish today shows that, overall, market conditions are getting better for consumers.
“Il quadro di valutazione dei mercati dei beni di consumo che pubblichiamo oggi dimostra che, complessivamente, le condizioni di mercato sono sempre più favorevoli ai consumatori.

However much more needs to be done, especially on services and energy.
Molto rimane tuttavia da fare, in special modo per i servizi e l’energia.

Continue reading TESTI PARALLELI – Continuano a migliorare le condizioni di mercato per i consumatori

TESTI PARALLELI – La Commissione presenta azioni intese a migliorare la tutela e il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 01-07-2014

 

 

Commission presents actions to better protect and enforce intellectual property rights
La Commissione presenta azioni intese a migliorare la tutela e il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale

The European Commission has today adopted two communications – an Action Plan to address infringements of intellectual property rights in the EU and a Strategy for the protection and enforcement of intellectual property rights (IPR) in third countries.
La Commissione europea ha adottato quest’oggi due comunicazioni: una relativa ad un piano d’azione inteso a far fronte alle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale nell’UE e una relativa ad una strategia per la tutela e il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale nei paesi terzi.

The EU Action Plan sets out a number of actions to focus the EU’s IPR enforcement policy on commercial scale infringements (the so-called ‘follow the money’ approach).
Il piano d’azione definisce una serie di azioni volte a far sì che la politica dell’UE in materia di rispetto dei diritti di proprietà intellettuale (DPI) si concentri sulle violazioni su scala commerciale (il cosiddetto approccio “follow the money”).

The Strategy setting out an international approach examines recent changes and presents ways to improve the Commission’s current means of action to promote enhanced IPR standards in third countries and to stem the trade in IPR infringing goods.
La strategia, che definisce un approccio internazionale, esamina i recenti cambiamenti e illustra le possibili modalità per migliorare gli strumenti di cui la Commissione attualmente dispone per promuovere norme più rigorose in materia di DPI nei paesi terzi e per arrestare il commercio di prodotti che violano i DPI.

“The adoption of this Action Plan shows how we want to re-orientate our policy towards better compliance with intellectual property rights by the private sector”, said EU Commissioner for Internal Market and Services Michel Barnier.
“Il piano d’azione adottato illustra come l’UE intende riorientare la propria politica per migliorare il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale da parte del settore privato”, ha dichiarato Michel Barnier, Commissario per il Mercato interno e i servizi.

“Rather than penalising the individual for infringing intellectual property rights, often unknowingly, the actions set out here pave the way towards a ‘follow the money’ approach, with the aim of depriving commercial-scale infringers of their revenue flows.”
“Anziché penalizzare i singoli per violazioni – spesso inconsapevoli – dei diritti di proprietà intellettuale, le azioni indicate nel piano d’azione preparano il terreno verso un approccio “follow the money”, allo scopo di privare i trasgressori su scala commerciale dei loro flussi di entrate.”

Continue reading TESTI PARALLELI – La Commissione presenta azioni intese a migliorare la tutela e il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale

LISTENING CON I SOTTOTITOLI – Learning English 87 • SWEARING and BAD LANGUAGE

In questo nuovo tipo di risorsa, realizzata da Misterduncan, assistiamo ad una vera e propria lezione di inglese britannico ma con una novità: la presenza dei sottotitoli inglesi (se dovessero essere coperti da una striscia di pubblicità, rimuovete prima la striscia cliccando sul simbolo X). In questo modo sarà possibile fare un utile esercizio di listening con la certezza di poter verificare se abbiamo capito correttamente. In alternativa, possiamo scegliere di vedere il video in modo da beneficiare dell’effetto positivo sulla comprensione e sulla memorizzazione determinato dalla contemporanea visione dei sottotitoli. Così l’inglese diventa davvero godibile e divertente (e se non capite qualche parola, indicatecelo nei commenti e vi risponderemo!).

WARNING
In this lesson we look at swearwords and bad language. WARNING – This lesson contains very strong language and rude words.
This video is for educational purposes only.

LISTENING CON I SOTTOTITOLI – Learning English 87 • SWEARING and BAD LANGUAGE

TESTI PARALLELI – Situazione occupazionale e sociale: la rassegna trimestrale indica che in molti rimangono indietro nonostante la ripresa economica

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 30-06-2014

 

 

Employment and Social Situation: Quarterly Review indicates economic recovery is leaving many people behind
Situazione occupazionale e sociale: la rassegna trimestrale indica che in molti rimangono indietro nonostante la ripresa economica

The EU labour market is gradually recovering and, for the first time since 2011, GDP, employment and household incomes are growing.
Il mercato del lavoro dell’UE si sta gradualmente riprendendo e, per la prima volta dal 2011, il PIL, l’occupazione e i redditi delle famiglie tornano a crescere.

However, long-term unemployment is still increasing and the situation of households with low incomes has not improved.
Tuttavia, la disoccupazione di lunga durata continua ad aumentare e la situazione delle famiglie a basso reddito non è migliorata.

These are some of the main conclusions of the European Commission’s latest Employment and Social Situation Quarterly Review.
Sono solo alcune delle principali conclusioni dell’ultima rassegna trimestrale sull’occupazione e la situazione sociale (Employment and Social Situation Quarterly Review) della Commissione europea.

The Review also highlights persistent challenges for women in terms of unemployment and under-employment and provides an update on recent trends in worker mobility, confirming higher employment rates for mobile workers and their increasingly higher levels of education.
La rassegna sottolinea anche difficoltà persistenti per le donne in termini di disoccupazione e sottoccupazione e fornisce un aggiornamento sulle recenti tendenze in materia di mobilità dei lavoratori, confermando l’aumento dei tassi di occupazione e i livelli di istruzione sempre più elevati dei lavoratori mobili.

Continue reading TESTI PARALLELI – Situazione occupazionale e sociale: la rassegna trimestrale indica che in molti rimangono indietro nonostante la ripresa economica

TESTI PARALLELI – Tessera europea di assicurazione malattia: quasi 200 milioni di europei la possiedono già

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 24-06-2014

 

 

Insurance Card: almost 200 million Europeans already carry one
Tessera europea di assicurazione malattia: quasi 200 milioni di europei la possiedono già

Almost 200 million Europeans already have the European Health Insurance Card (EHIC), according to the latest figures available for 2013.
In base ai dati più recenti, disponibili per il 2013, quasi 200 milioni di europei sono già in possesso di una tessera europea di assicurazione malattia (TEAM):

This represents more than half of the insured population in the EU.
si tratta di oltre la metà della popolazione assicurata nell’UE.

The number of EHIC holders is steadily increasing, with 8 million more citizens carrying it in 2013 compared to the previous year (+4%).
Il numero di titolari della TEAM aumenta costantemente: nel 2013 i erano 8 milioni in più rispetto all’anno precedente (+4%).

László Andor, Commissioner for Employment, Social Affairs and Inclusion, commented:
László Andor, Commissario per l’Occupazione, gli affari sociali e l’inclusione, ha dichiarato:

“Just as many people are planning to leave on their summer holidays, it is encouraging to see that more and more people have a European Health Insurance Card. This allows them to get necessary treatment when travelling within the European Union, Switzerland, Liechtenstein, Norway and Iceland.
“È incoraggiante constatare che, proprio quando tante persone programmano di partire per le vacanze estive, sempre più sono coloro che possiedono una tessera europea di assicurazione malattia, che consente loro di ricevere le cure di cui necessitano quando viaggiano all’interno dell’Unione europea, in Svizzera, Liechtenstein, Norvegia e Islanda.

Continue reading TESTI PARALLELI – Tessera europea di assicurazione malattia: quasi 200 milioni di europei la possiedono già

TESTI PARALLELI – La Commissione sollecita un’azione: un’indagine rivela che più dell’80% degli insegnanti dell’UE si ritengono sottovalutati

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da: questa pagina
Data documento: 25-06-2014

 

 

Commission calls for action as survey reveals more than 80% of teachers in the EU feel undervalued
La Commissione sollecita un’azione: un’indagine rivela che più dell’80% degli insegnanti dell’UE si ritengono sottovalutati

More than a third of teachers in the European Union work in schools with a shortage of qualified staff and nearly half of school leaders report a shortage of teachers for special needs’ pupils.
Più di un terzo degli insegnanti dell’Unione europea lavora in strutture scolastiche carenti di personale qualificato e quasi la metà dei dirigenti scolastici segnala la mancanza di personale docente per alunni con esigenze educative particolari.

While nearly 90% of teachers in the EU say they are satisfied with their jobs, 81% feel teaching is not valued in society.
Quasi il 90% degli insegnanti dell’UE si dichiara soddisfatto del lavoro che svolge, ma l’81% ritiene che la loro professione non sia debitamente valorizzata nella società.

Although teachers feel well equipped for the job, early career support is not universally available.
Anche se si considerano adeguatamente qualificati per esercitare la loro professione, non sempre possono contare su un sostegno a inizio carriera.

These are among the main findings of the new Teaching and Learning International Survey (TALIS), carried out by the Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD).
Queste sono alcune delle principali conclusioni della nuova Indagine internazionale sull’insegnamento e l’apprendimento (TALIS), realizzata dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

The survey, based on teachers’ perceptions of their career conditions, includes feedback from 55 000 lower secondary teachers and school leaders in the EU.
L’indagine sul modo in cui gli insegnanti percepiscono le condizioni della loro carriera professionale si basa sulle risposte di 55 000 insegnanti e dirigenti scolastici del ciclo di studio secondario inferiore nell’UE.

Continue reading TESTI PARALLELI – La Commissione sollecita un’azione: un’indagine rivela che più dell’80% degli insegnanti dell’UE si ritengono sottovalutati

TESTI PARALLELI – Servizi pubblici migliori e più veloci: la Commissione spinge per far piazza pulita delle barriere elettroniche

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
 
Data documento: 26-06-2014

 

 

Faster, better public services for business and citizens as Commission proposes push to sweep away e-barriers
Servizi pubblici migliori e più veloci: la Commissione spinge per far piazza pulita delle barriere elettroniche

The Commission today adopted a proposal for a new programme that will help Member States to modernise their administrations and provide interoperable digital services at national and European level.
La Commissione ha adottato oggi una proposta relativa a un nuovo programma che aiuterà gli Stati membri a modernizzare le amministrazioni pubbliche e a fornire servizi digitali interoperabili a livello nazionale ed europeo.

The new programme, ISA2,will build on the success of its predecessor, ISA (Interoperability Solutions for European Public Administrations), by ensuring seamless electronic cross-border or cross-sector interaction between European public administrations.
Il nuovo programma, denominato ISA2, prendendo le mosse dai successi del precedente programma, ISA (soluzioni di interoperabilità per le pubbliche amministrazioni europee), agevolerà l’interazione elettronica transfrontaliera o intersettoriale tra le pubbliche amministrazioni europee.

This is essential, because in today’s Europe, more and more citizens work and relocate, and businesses trade and operate, across the Union.
Si tratta di un aspetto essenziale nell’Europa odierna, dove sempre più spesso i cittadini lavorano e si stabiliscono in altri paesi dell’Unione e le imprese commerciano e fanno affari in tutto il territorio dell’Unione.

When they do this, they frequently have to interact electronically with Member State administrations.
E nel farlo si trovano sempre più spesso a dover interagire per via elettronica con le amministrazioni degli Stati membri.

Unfortunately, problems such as organisational complexity, outdated and cumbersome procedures, and lack of cooperation very often create electronic barriers which prevent citizens and businesses from using public services efficiently and impede the smooth functioning of the internal market.
Purtroppo problemi quali la complessità organizzativa, procedure obsolete e farraginose e l’assenza di cooperazione molto spesso creano barriere elettroniche che impediscono a cittadini e imprese di utilizzare i servizi pubblici in modo efficiente e intralciano il buon funzionamento del mercato interno.

Continue reading TESTI PARALLELI – Servizi pubblici migliori e più veloci: la Commissione spinge per far piazza pulita delle barriere elettroniche

TESTI PARALLELI – Sicurezza stradale – Una nuova app sullo smartphone per conoscere le regole del codice della strada ovunque nell’UE

Inglese tratto da: questa pagina
Italiano tratto da:  questa pagina
Data documento: 25-06-2014

 

 

Road safety: New smartphone app provides information on EU road traffic rules
Sicurezza stradale – Una nuova app sullo smartphone per conoscere le regole del codice della strada ovunque nell’UE

What is the speed limit on Spanish motorways?
Qual è il limite di velocità sulle autostrade spagnole?

Do I need to wear a helmet when I cycle in Sweden?
Il casco da ciclista è obbligatorio in Svezia?

What safety equipment must I always have in the car when driving in Slovakia?
Che dotazione di sicurezza devo sempre avere a bordo in Slovacchia?

From now on, holiday makers do not need to spend a lot of time searching for this information.
Da oggi i vacanzieri non devono più passare ore a cercare questo tipo di informazioni:

They can have it at hand wherever they are with the European Commission’s new smartphone app “Going Abroad”.
ovunque si trovino, possono averle sempre sottomano scaricando sullo smartphone “All’estero”, la nuova app della Commissione europea.

Continue reading TESTI PARALLELI – Sicurezza stradale – Una nuova app sullo smartphone per conoscere le regole del codice della strada ovunque nell’UE