TESTI PARALLELI – Eurydice

 
Traduzione by CHIARA GALIAZZO, volontaria di English Gratis. Il testo originale è tratto da una pagina del sito inglese di Wikipedia ed è disponibile nel rispetto della licenza
Creative Commons Attribution
2.5     Creative Commons License- photo credit     

 

 

Eurydice
Euridice

Eurydice in Greek mythology, was an oak nymph or one of the daughters of Apollo (the god of light).
Nella mitologia greca, Euridice era una ninfa delle querce o una delle figlie di Apollo, il dio della luce.

She was the wife of Orpheus, who loved her dearly; on their wedding day, he played joyful songs as his bride danced through the meadow.
Era la moglie di Orfeo, che l’amava teneramente; nel giorno del loro matrimonio, suonò delle canzoni gioiose, mentre la sua sposa ballava per tutto il prato.

One day, a satyr saw and pursued Eurydice, who stepped on a venomous snake, dying instantly.
Un giorno un satiro vide e seguì Euridice, che calpestò un serpente velenoso e morì all’istante.

Distraught, Orpheus played and sang so mournfully that all the nymphs and gods wept and told him to travel to the Underworld and retrieve her, which he gladly did.
Sconvolto, Orfeo suonò e cantò cosi mestamente che tutte le ninfe e gli dei piansero e gli dissero di fare un viaggio negli inferi e riprenderla, cosa che lui fece di buon grado.

After his music softened the hearts of Hades and Persephone, his singing so sweet that even the Erinyes wept, he was allowed to take her back to the world of the living.
Dopo che la sua musica intenerì i cuori di Ade e Persefone, il suo canto era così dolce, che perfino le Erinni piansero, gli fu permesso di riportarla indietro nel mondo dei vivi.

>>> In another version, Orpheus played his lyre to put Cerberus, the guardian of Hades, to sleep, after which Eurydice was allowed to return with Orpheus to the world of the living.
In un’altra versione, Orfeo suonò la sua lira per far dormire Cerbero, il guardiano dell’Ade, dopo ciò ad Euridice fu permesso di tornare con Orfeo nel mondo dei vivi.

Either way, the condition was attached that he must walk in front of her and not look back until both had reached the upper world.
Ad ogni modo, la condizione era legata al fatto che lui doveva camminare davanti a lei senza mai guardare indietro finché entrambi non avessero raggiunto il mondo dei vivi.

However, just as they reached the portals of Hades and daylight, he could not help but turn around to gaze on her face, and Eurydice vanished back into the Underworld. When Orpheus was later killed by the Maenads on Dionysus’ orders, his soul ended up in the Underworld where he was reunited with Eurydice.
Tuttavia, proprio quando raggiunsero i cancelli dell’Ade e la luce del giorno, lui non poté fare a meno di girarsi per fissarla nel volto ed Euridice scomparve indietro negli inferi. Quando, più tardi, Orfeo fu ucciso dalle Menadi agli ordini di Dioniso, la sua anima finì agli inferi, dove fu riunito ad Euridice.

The story in this form belongs to the time of Virgil, who first introduces the name of Aristaeus and the tragic outcome.
La storia,in questa forma, appartiene all’epoca di Virgilio, che per primo introdusse il nome di Aristeo e il finale tragico.

Other ancient writers, however, speak of Orpheus’ visit to the underworld in a more negative light; according to Phaedrus in Plato’s Symposium, the infernal gods only “presented an apparition” of Eurydice to him.
Tuttavia, altri antichi scrittori, parlano della visita di Orfeo agli inferi in una luce più negativa; secondo Fedro, nel Simposio di Platone, gli dei degli inferi gli mostrarono solo lo spirito di Euridice.

Ovid says that Eurydice’s death was not caused by fleeing from Aristaeus but by dancing with naiads on her wedding day.
Ovidio dice che la morte di Euridice non fu provocata dallo sfuggir via da Aristeo ma dal ballare con le naiadi nel giorno del suo matrimonio.

In fact, Plato’s representation of Orpheus is that of a coward; instead of choosing to die in order to be with the one he loved, he instead mocked the gods by trying to go to Hades and get her back alive.
Infatti, la rappresentazione di Orfeo da parte di Platone é quella di un codardo; invece di scegliere di morire per stare di nuovo con l’unica donna che amava, al contrario si prese gioco degli dei cercando di andare nell’ade e riportarla indietro viva.

Since his love was not “true” — meaning he was not willing to die for it — he was actually punished by the gods, by giving him only the apparition of his former wife in the underworld, and then by being killed by women.
Poiché il suo amore non era vero, nel senso che non era disposto a morire per lei, a dire il vero fu punito dagli dei dapprima con l’offerta unicamente dell’apparizione della sua ex moglie negli inferi , poi con la sua uccisione ad opera delle donne.

The story of Eurydice may actually be a late addition to the Orpheus myths.
In effetti, la storia di Euridice potrebbe essere un’aggiunta successiva al mito di Orfeo.

In particular, the name Eurudike (“she whose justice extends widely”) recalls cult-titles attached to Persephone.
In particolare il nome di Eurudike (colei che dispensa giustizia in larga misura) ricorda le designazioni di culto legate a Persefone.

The myth may have been derived from another Orpheus legend in which he travels to Tartarus and charms the goddess Hecate.
Il mito potrebbe essere derivato da un’altra leggenda di Orfeo, nella quale lui viaggia verso il Tartaro* e incanta la dea Ecate.

The story of Eurydice has strong parallels to the Japanese myth of Izanami, as well as to the Mayan myth of Itzamna and Ix Chel, the Indian myth of Savitri and Satyavan, the Akkadian/Sumerian myth of Inanna’s descent to the underworld, and the Biblical story of Lot and his wife.
La storia di Euridice ha delle forti corrispondenze con il mito giapponese di Izanami, cosi come con quella del mito Maya di Itzamna e Ix Chel, il mito indiano di Savitari e Satyavan, il mito sumero accadico della discesa di Inanna nell’aldilà e la storia biblica di Lot e sua moglie.

———-

*Nell’ambito della mitologia greca e latina il termine indicava , dapprima, il luogo sotterraneo dove venivano relegati i Titani vinti; successivamente il vocabolo si è riferito al più generico aldilà sotterraneo.

Comments are closed.