TESTI PARALLELI – Obama’s suspension of Guantanamo repatriations criticized

Traduzione by CARLO CARADONNA, volontario di English Gratis. Il testo originale è tratto da una pagina del sito inglese di Wikinews ed è disponibile nel rispetto della licenza Creative Commons Attribution 2.5     Creative Commons- photo credit

guantanamo

 
Obama’s suspension of Guantanamo repatriations criticized

Criticato il provvedimento di sospensione dei procedimenti di rimpatrio di Guantanamo adottato da Obama

Thursday, January 7, 2010
Giovedi’, 7 gennaio, 2010

Human rights groups have criticized United States President Barack Obama’s decision to halt the transfer of detainees to Yemen from the prison in Guantanamo Bay, Cuba.
Le associazioni che si battono per il rispetto dei diritti umani hanno criticato la decisione del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, di bloccare il trasferimento dei detenuti dalla prigione cubana di Guantanamo Bay  nello Yemen.

Mr. Obama suspended the repatriation of Yemeni detainees Tuesday because of what he called an “unsettled” security situation in Yemen.

Il signor Obama ha sospeso il rimpatrio dei detenuti yemeniti martedi’ a causa di ciò che ha definito una situazione di sicurezza “instabile” nello Yemen.

“It was always our intent to transfer detainees to other countries only under conditions that provide assurances that our security is being protected,” Obama said.
“E’ stato sempre nostra intenzione trasferire i detenuti in altri paesi solo a condizione che essi forniscano assicurazioni che la nostra sicurezza sia salvaguardata,” ha dichiarato Obama.

Some lawmakers had expressed concern that freed inmates could join Yemen-based al-Qaeda militants plotting attacks on the United States.

Alcuni legislatori hanno espresso la preoccupazione che i detenuti liberati potessero unirsi ai militanti di al-Qaeda con base nello Yemen impegnati nel complotto di attacchi contro gli Stati Uniti.

>>> The Times has also reported claims that former detainees have joined al-Qaeda on returning to Yemen.

Il giornale” The Times”  ha anche riportato dichiarazioni (a supporto della tesi) che ex-detenuti abbiano aderito ad al-Qaeda al ritorno nello Yemen.


The American Civil Liberties Union (ACLU) claimed U.S. authorities had cleared the release of about 35 Yemeni detainees at Guantanamo.

L’associazione “American Civil Liberties Union” (ACLU)  ha sostenuto che le autorità statunitensi hanno concesso il rilascio di circa 35 detenuti yemeniti a Guantanamo.

Ben Wizner, ACLU staff attorney, said that “the decision to halt all transfers of detainees to Yemen will prolong a shameful chapter in American history without making Americans any safer.”

Ben Wizner, il legale dell’organizzazione ACLU, ha commentato che “la decisione di bloccare tutti i trasferimenti dei detenuti nello Yemen prolungherà un capitolo vergognoso nella storia americana senza rendere gli americani  più sicuri.”

He called the actions “unwise and unjust”.
Ha definito i provvedimenti “non saggi e ingiusti”.

Human Rights Watch says it appreciates that Yemen poses a “very difficult problem” for the Obama administration.

L’Osservatorio dei Diritti Umani precisa che ha consapevolezza del fatto che lo Yemen pone un “problema molto difficile” per il governo di Obama.

But, it says continuing to hold Yemenis at Guantanamo without charge “only increases resentment against the United States and hands al-Qaida a recruiting tool.”

Pur tuttavia, puntualizza che l’insistenza sul mantenimento degli yemeniti a Guantanamo senza un capo d’accusa “non fà altro che accrescere il risentimento contro gli Stati Uniti e consegna uno strumento di reclutamento nelle mani di al-Qaida.”  

The Center for Constitutional Rights called the decision “unconscionable”.

L’organizzazione “Center for Constitutional Rights” ha definito la decisione “contraria alla coscienza”.

“We know from the military’s own records that most of the detainees at Guantanamo have no link to terrorism,” the group said.

“Noi sappiamo dagli stessi verbali dell’esercito che la maggior parte dei detenuti a Guantanamo non hanno alcun legame con il terrorismo,” ha asserito il gruppo.

Mitch McConnell, Republican Party minority leader in the U.S. Senate, backed the move.

Mitch McConnel, il leader della minoranza nominato dal partito repubblicano al senato statunitense, ha sostenuto la misura.

“Given the determined nature of the threat from al-Qaeda, it made little sense to transfer detainees from the secure facility at Guantanamo back to Yemen, where previously transferred detainees have escaped from prison and returned to al-Qaeda,” he said.

“Dato il carattere implacabile della minaccia proveniente da al-Qaeda, ha poco senso trasferire i detenuti dalla struttura sicura a Guantanamo nuovamente nello Yemen, dove detenuti precedentemente trasferiti sono evasi dalla prigione e ritornati ad al-Qaeda”, ha affermato.

President Obama reiterated his pledge to shut down the Guantanamo prison, saying its existence helps al-Qaeda to recruit members and damages U.S. national security interests.

Il presidente Obama ha reiterato l’impegno di chiudere la prigione di Guantanamo, riferendo che la sua esistenza aiuta al-Qaeda a reclutare membri e danneggia gli interessi della sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Obama had said one year ago that he wanted to close the prison by 22 January this year, but recently admitted that this target would not be met.

Obama aveva dichiarato un anno fa che voleva chiudere la prigione entro il 22 gennaio di quest’anno, ma recentemente ha ammesso che questo obiettivo non sarebbe stato centrato.

Guantanamo currently holds 198 prisoners, about half of them from Yemen.

Attualmente Guantanamo ospita 198 prigionieri, di cui circa la metà provenienti dallo Yemen.

Leave a Reply