HOME CORSO DI INGLESE DI BASE 20 ORE READSPEAKER READSPEAKER ON DEMAND
RIVISTA ENGLISH4LIFE
ENGLISH4LIFE ONLINE ABBONAMENTI FORMULA 4-5-6-7
 Multiblog Grammatica inglese • Daisy Stories Arranger Stories
Il Blog di Daisy
Studia l'inglese con noi Risorse sfiziose Testi paralleli (Wikipedia) Testi paralleli (altri) Testi paralleli di Beppe Grillo Testi paralleli di Antonio Di Pietro The West Family Classici in inglese
Wikibooks
Corso di inglese di base Metodo Casiraghi-Jones Come studiare Tips Risposte Articoli in italiano Enciclopedia
Tutto Corsi Inglesi Certificazioni I buoni acquisti


 

TUTTI GLI ARTICOLI

  1. Abbazia di Westminster

  2. Abramo Lincoln

  3. Adrienne Corri

  4. Aeroporto di Londra - Heathrow

  5. Alabama

  6. Alan Parker

  7. Alaska

  8. Aldous Huxley

  9. Alec Guinness

  10. Alexander Korda

  11. Alfred Hitchcock

  12. Amleto

  13. Amnesty International

  14. Andrew Lloyd Webber

  15. Angela Lansbury

  16. Angli

  17. Anglicanesimo

  18. Angus Beef

  19. Anna Friel

  20. Anthony Hopkins

  21. Assassinio sull'Orient Express

  22. Aston Martin

  23. Attentati del 7 luglio 2005 a Londra

  24. Atto di Unione

  25. Audrey Hepburn

  26. Austin Powers

  27. Australia

  28. Basic English

  29. Batman

  30. Battaglia di Camlann

  31. Battaglia d'Inghilterra

  32. Beda il venerabile

  33. Belfast

  34. Believe - Album di Cher

  35. Benjamin Britten

  36. Benjamin Franklin

  37. Bertrand Russell

  38. Beverly Hills

  39. Bill Gates

  40. Bing Crosby

  41. Blaxploitation

  42. Bloomsbury

  43. B-Movie

  44. Book of Common Prayer

  45. Boris Karloff

  46. Boston

  47. Brenda Blethyn

  48. Brian Eno

  49. Brighton

  50. British Airway

  51. British Museum

  52. Brit Pop

  53. Broadway

  54. Buckingham Palace

  55. California

  56. Cambridge

  57. Camera dei Comuni

  58. Camera dei Lord

  59. Canada

  60. Cancelliere dello Scacchiere

  61. Carlo, principe del Galles

  62. Carnaby Street

  63. Carol Reed

  64. Casa bianca

  65. Casa degli Stuart

  66. Casa Windsor

  67. Cattedrale di St. Paul

  68. Cerimonie dei Premi Oscar

  69. Charing Cross

  70. Charles Darwin

  71. Charles Dickens

  72. Charles Kennedy

  73. Charles Laughton

  74. Charlie Chaplin

  75. Charlotte Brontë

  76. Chaucer

  77. Cher

  78. Chiesa Scientista

  79. Christian Bale

  80. Christopher Eccleston

  81. Christopher Isherwood

  82. Christopher Wren

  83. Chuck Berry

  84. Cime tempestose

  85. City of London

  86. City of Westminster

  87. Claire Forlani

  88. Clark Gable

  89. The Clash (gruppo pop)

  90. Coldplay

  91. Colonna di Nelson

  92. Commonwealth delle nazioni

  93. Condoleezza Rice

  94. Cornovaglia

  95. Cranberries

  96. David Beckham

  97. David Bowie

  98. David Bradley

  99. David Hemmings

  100. David Lean

  101. David Lloyd George

  102. David Souchet

  103. David Yates

  104. Dean Martin

  105. Derbyshire

  106. Derek Jacobi

  107. Derek Jarman

  108. Dialetto inglese americano

  109. Diana Spencer

  110. Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America

  111. Dinastia Tudor

  112. Dirk Bogarde

  113. Disneyland Resort

  114. Doctor Who

  115. Downing Street

  116. Dublino

  117. Edgar Allan Poe

  118. Edoardo il Confessore

  119. Edoardo VIII

  120. Elisabetta II

  121. Elvis Presley

  122. EMI

  123. Emily Brontë

  124. Eric Campbell

  125. Ethelbert del Kent

  126. Eton College

  127. Eurotunnel

  128. Ezra Pound

  129. Falsi amici

  130. Fitzwilliam Museum di Cambridge

  131. Florence Nightingale

  132. Forrest Gump

  133. Francis Bacon, filosofo

  134. Franklin Delano Roosevelt

  135. Frank Sinatra

  136. Frank Zappa

  137. Galles

  138. Gangsta Rap

  139. Geografia dell'Irlanda

  140. George Bernard Shaw

  141. George Eliot

  142. George Gershwin

  143. George Harrison

  144. George Martin

  145. George Michael

  146. George Orwell

  147. George Washington

  148. George Bush

  149. Gibilterra

  150. Giorgio III

  151. Giorgio VI

  152. Giovanni Senzaterra

  153. Glastonbury

  154. Glastonbury Festival

  155. Globe Theater

  156. Glossario di falsi amici

  157. Gloucesterhire

  158. Gordon Brown

  159. Grace Kelly

  160. Gran Bretagna

  161. Grande incendio di Londra

  162. Grande Londra

  163. Grandi speranze

  164. Greater Manchester

  165. Greenwich Village

  166. The Guardian (quotidiano inglese)

  167. Guernsey

  168. Guerra civile inglese

  169. Guerra delle Falklands

  170. Guerra di indipendenza americana

  171. Guerra di secessione americana

  172. Guy Fawkes

  173. Guy Ritchie

  174. Hanna e Barbera

  175. Harry Potter

  176. Harry S. Truman

  177. Helena Bonham Carter

  178. Henry Fielding

  179. Herbert Spencer

  180. Herefordshire

  181. Historia Ecclesiastica Gentis Anglorum

  182. Horatio Nelson

  183. How clean is your house

  184. H. P. Lovecraft

  185. Hugh Grant

  186. IANA - Internet Assigned Numbers Authority

  187. Ian Fleming

  188. Ian Hart

  189. Ian Holm

  190. ICANN

  191. I due gentiluomini di Verona (commedia di Shakespeare)

  192. Illinois

  193. Il mercante di Venezia

  194. Impero Britannico

  195. Nuova pagina 102

  196. Independence Day

  197. Indymedia

  198. Inghilterra

  199. Inghilterra vittoriana

  200. Inglese antico

  201. International Herald Tribune

  202. Ira Gershwin

  203. Irlanda del Nord

  204. Irving Berlin

  205. Isola di Man

  206. Isola d'Irlanda

  207. Isole britanniche

  208. Isole Falkland

  209. Isole Marianne settentrionali

  210. Jack Nicholson

  211. James Bond

  212. James Cook

  213. James Joyce

  214. James Stewart

  215. Jamie Bell

  216. Jane Birkin

  217. Jane Eyre (romanzo)

  218. Jason Isaacs

  219. Jeremy Irons

  220. Jersey

  221. Jimmy Wales (fondatore di Wikipedia)

  222. Jim Sheridan

  223. Joan Fontaine

  224. Joanne Rowling

  225. John Constable

  226. John Dryden

  227. John F. Kennedy

  228. John Ford

  229. John Gielgud

  230. John Henry Newman

  231. John Huston

  232. John Lennon

  233. John Locke

  234. John Maynard Keynes

  235. John Profumo

  236. John Stuart Mill

  237. John Wayne

  238. Julie Andrews

  239. Kansas

  240. Keira Knightley

  241. Ken Loach

  242. Kenneth Branagh

  243. Ku Klux Klan

  244. La bisbetica domata

  245. La commedia degli errori

  246. La dodicesima notte

  247. La fattoria degli animali (romanzo)

  248. Las Vegas

  249. La tempesta

  250. La terra desolata (poesia)

  251. Laurence Olivier

  252. Le allegre comari di Windsor

  253. Leicestershire

  254. Leonardo Di Caprio

  255. Leslie Howard

  256. Letteratura vittoriana

  257. Letterature in inglese

  258. Leviatano

  259. Liberaldemocrats

  260. Licensing act

  261. Limerick

  262. Lingua gallese

  263. Lingua inglese

  264. Lingua inglese di Scozia

  265. Lingua irlandese

  266. Lingua mannese

  267. Lingua scozzese

  268. Lista dei re del Kent

  269. Liverpool

  270. Londra

  271. L'origine delle specie (saggio)

  272. Los Angeles

  273. Macbeth

  274. Madame Tussauds (museo)

  275. Magna Charta (storia)

  276. Maine (stato americano)

  277. Manchester United

  278. Manhattan

  279. Manica (geografia)

  280. Mar d'Irlanda

  281. Mare del Nord

  282. Margaret Thatcher

  283. Marlon Brando

  284. Martin Feldman

  285. Merseyside

  286. Metro Goldwin Mayer

  287. Michael Caine

  288. Michael Collins (patriota irlandese)

  289. Mick Jagger

  290. Microsoft

  291. Midlands Occidentali

  292. Mike Leigh

  293. Molto rumore per nulla

  294. Montagne rocciose

  295. Monty Python

  296. Monty Python's Flying Circus

  297. Mormoni

  298. Musica Rap

  299. N.A.S.A.

  300. Nasdaq

  301. National Gallery di Londra

  302. Neil Armstrong

  303. Nevada

  304. New England (stato USA)

  305. Noel Coward

  306. Northumberland

  307. Oasis

  308. Oceano Atlantico

  309. Oceano Pacifico

  310. Oklahoma

  311. Old Trafford

  312. Oliver Cromwell

  313. Olivia de Havilland

  314. Olivia Hussey

  315. Orlando Bloom

  316. Oscar Wilde

  317. Otello

  318. Ottawa

  319. Oxford

  320. Partito conservatore (Tories)

  321. Partito Democratico (USA)

  322. Partito Laburista (Labour)

  323. Patsy Kensit

  324. Paul Bettany

  325. Paul McCartney

  326. Paul Simon

  327. Pennsylvania

  328. Percy Bysshe Shelley

  329. Pete Best

  330. Peter Brook

  331. Peter Cushing

  332. Peter Greenaway

  333. Peter Pan

  334. Peter Sellers

  335. Peter Ustinov

  336. Piccadilly Circus

  337. Plastic Ono Band

  338. Ponte di Brooklyin

  339. Premio Oscar

  340. Preraffaeliti inglesi

  341. Presidente degli Stati Uniti

  342. Principe Henry del Galles

  343. Progetto Apollo

  344. Prometeo liberato

  345. Pronuncia dell'inglese

  346. Provisional IRA

  347. Pulp Fiction

  348. Quentin Crisp

  349. Quentin Tarantino

  350. Reame del Commonwealth

  351. Re Artù

  352. Regioni dell'Inghilterra

  353. Regno del Kent

  354. Regno Unito

  355. Re Lear

  356. Repubblica d'Irlanda

  357. Rex Harrison

  358. Rhode Island

  359. Riccardo III (dramma di Shakespeare)

  360. Richard Attenborough

  361. Richard Burton

  362. Richard Griffiths

  363. Richard Nixon

  364. Ridley Scott

  365. Ringo Starr

  366. Rivoluzione Americana

  367. Rivoluzione industriale

  368. Robert Walpole

  369. Rock and Roll

  370. Romeo e Giulietta

  371. Rowan Atkinson

  372. Royal Botanic Gardens di Kew (Kew Gardens)

  373. Royal Navy

  374. Royal Shakespeare Company

  375. Royal society

  376. Rupert Everett

  377. Rupert Grint

  378. Salt Lake City

  379. San Diego

  380. San Patrizio

  381. Sarah Brightman

  382. Sassoni

  383. Scandalo Profumo

  384. Scientology

  385. Scooby-doo

  386. Scotland Yard

  387. Scozia

  388. Sean Connery

  389. Sex Pistols

  390. Shamrock

  391. Sherlock Holmes

  392. Shirley Henderson

  393. Shropshire

  394. Sidney

  395. Silicon Valley

  396. Simon e Garfunkel

  397. Simpson (cartoni animati)

  398. Sinn Fein

  399. Situation comedy (sitcom)

  400. Sogno di una notte di mezza estate

  401. Somerset

  402. Sorelle Brontë

  403. Southpark (cartoni animati)

  404. Space Shuttle Challenger

  405. Speaker's corner

  406. Spice Girls

  407. Stanford University

  408. Stati Confederati d'America

  409. Stati Uniti d'America

  410. Stephen King

  411. Stirling Moss

  412. Storia dell'Inghilterra

  413. Stratford-upon-Avon

  414. Sussex

  415. Swinging London

  416. Tamigi

  417. Tate Gallery di Londra

  418. Teatro elisabettiano

  419. Teletubbies

  420. Terence Fisher

  421. Terence Young

  422. Terry Pratchett

  423. That's my Bush

  424. The Beatles (album)

  425. Theodore Roosevelt

  426. Thomas Jefferson

  427. Thomas Malthus

  428. Thomas Stearns Eliot (poeta)

  429. Tim Curry

  430. The Times (quotidiano inglese)

  431. Tim Roth

  432. Titanic (film)

  433. Tom Baker

  434. Tom Felton

  435. Tony Blair

  436. Torre di Londra

  437. Total Request Live

  438. Tower Bridge

  439. Trafalgar Square

  440. Trentanove articoli di fede

  441. Tutto è bene quello che finisce bene

  442. Union Jack

  443. Università di Cambridge

  444. Università di Harvard

  445. Università di Oxford

  446. Uno studio in rosso (romanzo)

  447. US Marine Corps (marines)

  448. Vanessa Redgrave

  449. Victoria and Albert Museum

  450. Victoria Beckham

  451. Virginia

  452. Virginia Woolf

  453. La Regina Vittoria

  454. Vodafone

  455. Walt Disney

  456. Walt Disney Company

  457. Walt Disney World Resort

  458. Warwickshire

  459. Wembley

  460. Westminster Abbey

  461. Wham

  462. Wikipedia

  463. William Blake

  464. William Butler Yeats

  465. William Morris

  466. William Shakespeare

  467. William Turner

  468. Winston Churchill

  469. Wisconsin

  470. Woody Allen

  471. Wystan Hugh Auden (poeta)

  472. Yorkshire (regione inglese)
    GRAMMATICA

  473. Pronomi personali soggetto

  474. Pronomi personali complemento

  475. Appellativi di cortesia

  476. To be

  477. Usi particolari di to be

  478. Aggettivo qualificativo

  479. Nazionalità, paesi e continenti

  480. Nazionalità, aggettivi e sostantivi

  481. Età

  482. WH-questions 1

  483. WH-Questions 2

  484. Articolo determinativo e indeterminativo

  485. Sostantivo plurale

  486. Possesso e aggettivi possessivi

  487. Can

  488. C'è - Ci sono

  489. Aggettivi dimostrativi

  490. Preposizioni di stato in luogo

  491. Preposizioni di tempo: at, in, on

  492. Forme del verbo: Simple Present

  493. Imperativo

  494. Construzione dei verbi che esprimono gusti e preferenze

  495. Avverbi di frequenza

  496. Espressioni avverbiali di tempo

  497. Numeri cardinali

  498. L'ora

  499. Posizione del complemento oggetto e di termine

  500. Il Simple Past



Articolo tratto da: http://it.wikipedia.org/wiki/Buckingham_Palace

ll presente articolo è autorizzato ai sensi della GNU Free Documentation License, vedi: http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html

Buckingham Palace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 
Buckingham Palace ed il Victoria Memorial. La facciata est di Edward Blore, risalente al 1850, fu risistemata nel 1913 da Sir Aston Webb
Buckingham Palace ed il Victoria Memorial. La facciata est di Edward Blore, risalente al 1850, fu risistemata nel 1913 da Sir Aston Webb

Buckingham Palace, a Londra, è la residenza ufficiale del sovrano del Regno Unito.
L'espressione "Buckingham Palace" o, semplicemente "The Palace" è diventata comune per esprimere tutto quanto attiene agli ambienti della Corte e della famiglia reale. Oltre ad essere la residenza ufficiale di Elisabetta II, Buckingham Palace è il luogo in cui si svolgono numerose cerimonie pubbliche (dai ricevimenti dei reali alle visite dei vari capi di Stato) ed è anche una notevole attrazione turistica (famoso in tutto il mondo è il cambio della Guardia). Da un punto di vista più profondo, ha sempre rappresentato un punto di riferimento per i sudditi, nei momenti gioiosi e tristi della storia del Regno.

Indice

[nascondi]

Storia

Gli inizi

La Buckingham House nel 1710 circa, come ricostruita da William Winde per il Duca di Buckingham.
La Buckingham House nel 1710 circa, come ricostruita da William Winde per il Duca di Buckingham.

Il primo edificio di cui si abbia notizia, noto come Goring House, era stato fatto costruire da George Goring, conte di Norwich, nel 1633 circa. L'edificio che forma il centro dell'attuale palazzo venne invece costruito come grande residenza di campagna per John Sheffield, duca di Buckingham e Normandy, nel 1703. Buckingham fece ricostruire l'abitazione dall'architetto William Winde. Lo stile scelto fu quello di un grande blocco centrale a tre piani, con due ali di servizio più piccole ai fianchi. Nel 1762, Buckingham House venne venduta da un discendente del conte, Sir Charles Sheffield, a re Giorgio III. La nuova residenza venne destinata a residenza privata per la famiglia reale, in particolare per la Regina Carlotta, consorte di Giorgio III, piuttosto che al ruolo di palazzo reale ufficiale, che rimase a St. James's Palace.
Ancora oggi, gli ambasciatori stranieri sono accreditati alla Corte di St.James's, anche se è a Buckingham Palace che presentano alla regina le loro credenziali e il proprio staff, all'atto della nomina.

Da residenza a palazzo

La Regina Carlotta morì nel 1818 e poco dopo, nel 1820, morì anche suo marito, Giorgio III.
Il loro figlio, Giorgio IV, dapprima decise di ampliare Buckingham House per usarlo insieme al St.James's Palace così come aveva fatto il padre, ma nel 1826 cambiò idea e pensò di trasformarlo in un palazzo reale a tutti gli effetti, dando l'incarico a John Nash di realizzare l'opera. Il palazzo che venne edificato formava un grande cortile d'onore quadrato, con Buckingham House al centro. La facciata del nuovo edificio fu costruita in pietra di Bath, con squisiti dettagli in stile neoclassico francese. Questo palazzo è molto simile a quello odierno, ma senza la grande ala est di fronte a The Mall, che ora chiude il quadrilatero.
Dove ora sorge l'ala est, tra le due ali esterne vi era invece un arco trionfale in marmo di Racaccione, modellato sullo stile dell'Arco di Costantino a Roma. Quest'arco, per la cui costruzione erano state spese 34.450 sterline, serviva da entrata di rappresentanza. Secondo l'intenzione di Giorgio IV, doveva avere alla sua sommità una statua equestre in bronzo che lo rappresentava, ma alla sua morte la statua non era ancora stata terminata e quando il Parlamento, seppure riluttante, dovette saldare il conto, decise di trasferirla a Trafalgar Square.
Gli interni del palazzo avrebbero dovuto essere di uno splendore incomparabile. Sir Charles Long raccomandò al re di far eseguire decorazioni interne in scagliola a colori vivaci, in lapislazzuli blu e rosa e di far decorare il soffitto con pannelli in gesso scolpiti. Giorgio IV morì nel 1830. Le stanze di rappresentanza e di semi-rappresentanza furono completate sotto il regno di Guglielmo IV, uomo di gusti più semplici e di sua moglie, la Regina Adelaide.

Alla morte di Giorgio IV, il costo crescente del palazzo non ancora terminato creava un crescente sgomento al Parlamento e alla stampa dell'epoca. Guglielmo IV licenziò Nash e assunse al suo posto Edward Blore, un architetto meno idealista di Nash ma più dotato negli affari che conservò ciò che Nash aveva completato e terminò il palazzo in uno stile simile, sebbene più uniforme e meno bizzarro. Anche se il nuovo e la nuova regina tenevano corte e ricevevano nelle stanze di rappresentanza, non vissero mai a palazzo, ma preferirono restare a Clarence House, la residenza londinese che essi avevano fatto costruire prima di salire sul trono. Il costo finale della ricostruzione di Buckingham Palace fu di 719.000 sterline.
È interessante notare che quando il palazzo del Parlamento venne distrutto da un incendio, nel 1834, il re offrì l'allora incompleto palazzo come sede del governo, un'offerta che suggerisce come egli fosse meno interessato al palazzo rispetto a suo fratello. Il Parlamento però declinò l'offerta e il palazzo del Parlamento venne ricostruito.
Molte delle stanze di rappresentanza più piccole vennero arredate in quest'epoca, nello stile cinese della reggenza, e molti mobili, suppellettili e caminetti furono fatti trasportare dal Padiglione Reale di Brighton e da Carlton House, i palazzi di Giorgio IV, dopo la morte di quest'ultimo.

La Regina Vittoria

La regina Vittoria fu la prima sovrana a risiedere a Buckingham Palace.
La regina Vittoria fu la prima sovrana a risiedere a Buckingham Palace.

Nel 1837, con l'ascesa al trono della regina Vittoria Buckingham Palace divenne la residenza reale ufficiale. Mentre le stanze di rappresentanza erano una festa di oro e di colori, le altre stanze erano meno lussuose. I caminetti facevano tanto fumo che occorreva lasciar spegnere il fuoco e la corte tremava di freddo. La ventilazione delle stanze era insufficiente e vi era cattivo odore. Quando venne deciso di installare delle lampade a gas ci si preoccupò per l'eccessivo accumulo di gas ai piani inferiori. Le cronache del tempo riferiscono inoltre che il personale di servizio era negligente e pigro e che il palazzo era sporco. Dopo il matrimonio della regina con il principe Alberto nel 1840, quest'ultimo si preoccupò di riorganizzare il personale di servizio e degli errori di costruzione.
Nel 1840 finalmente tutto venne sistemato e i costruttori poterono lasciare il palazzo.

Buckingham Palace nel 1842, prima che l'edificio costruito da Edward Blore nel 1847 chiudesse completamente il quadrilatero.
Buckingham Palace nel 1842, prima che l'edificio costruito da Edward Blore nel 1847 chiudesse completamente il quadrilatero.

La grande ala est verso The Mall (che oggi costituisce la 'facciata pubblica' di Buckingham Palace) venne costruita dopo il matrimonio della regina Vittoria. Nel 1847, però, la coppia iniziò a pensare che il palazzo era troppo piccolo per la famiglia che stava crescendo e per la vita di corte, così fece costruire una nuova ala che racchiudeva il quadrilatero al centro del palazzo dallo stesso architetto che già aveva lavorato per Guglielmo IV, Edward Blore. Su questa nuova ala si trova il balcone da cui si affaccia la famiglia reale nelle occasioni importanti. Anche la sala da ballo e altre stanze di rappresentanza vennero costruite in questo periodo, su disegno di Sir James Pennethorne, un allievo di Nash. Prima della morte del principe Alberto la regina Vittoria amava molto la musica e il ballo, e grandi musicisti dell'epoca vennero più volte invitati a suonare a Buckingham Palace. Tra questi si ricordano Felix Mendelssohn e Johann Strauss II con la sua orchestra, che nel 1849 compose la Alice Polka in onore della principessa Alice.Durante questo periodo Buckingham Palace divenne spesso lo scenario di balli sontuosi, di cerimonie reali, di investiture e di rappresentazioni teatrali. La regina Vittoria decise di spostare l'arco che costituiva un tempo l'entrata di rappresentanza al palazzo nella sua posizione attuale vicino allo Speakers' Corner di Hyde Park. Dopo la morte del Principe Alberto nel 1861, la regina si ritirò dalla vita pubblica e abbandonò Buckingham Palace per andare a vivere al castello di Windsor, a Balmoral Castle e a Osborne House, mentre Buckingham Palace venne usato raramente e cadde in declino. Malgrado la regina fu in seguito costretta a tornare a vivere a Londra a causa dell'opinione pubblica, le cerimonie di corte continuarono a svolgersi al castello di Windsor, presiedute dalla malinconica regina vestita sempre a lutto.

Il ventesimo secolo

La facciata est di Buckingham Palace venne completata nel 1850. Qui è vista com'era nel 1910; venne rimodellata nella forma attuale nel 1913.
La facciata est di Buckingham Palace venne completata nel 1850. Qui è vista com'era nel 1910; venne rimodellata nella forma attuale nel 1913.

Nel 1901, con l'ascesa al trono di Edoardo VII il palazzo ritornò a nuova vita. Il nuovo re e sua moglie, la regina Alessandra avevano frequentato a lungo l'alta società di Londra, e i loro amici, conosciuti come la società di Marlborough House, venivano considerati come le persone più importanti ed eleganti dell'epoca. Buckingham Palace - la Sala da Ballo, la Grand Entrance, la Marble Hall, lo scalone, i vestiboli e le gallerie ridecorati nello stile Belle epoque color crema e oro che hanno ancora oggi divennero nuovamente il punto focale dell'impero inglese e lo scenario di intrattenimenti su scala grandiosa. Molte persone pensavano che la pesante ridecorazione fatta fare da re Edoardo mal si accordasse con il lavoro originale di Nash. Tuttavia, è stata conservata per cento anni.
Gli ultimi lavori di costruzione del palazzo vennero attuati durante il regno di Giorgio V quando, nel 1913, Sir Aston Webb ridisegnò la facciata est per renderla simile in parte a quella disegnata da Giacomo Leoni per il Lyme Park dello Cheshire. La nuova facciata, in pietra di Portland doveva costituire lo sfondo del Victoria Memorial, una grande statua che rappresentava la regina Vittoria, posta fuori dai cancelli principali. Giorgio V, che era succeduto ad Edoardo VII nel 1910, aveva una personalità più riflessiva rispetto al padre, che si rifletté nella vita di palazzo: venne posta maggiore enfasi sui ricevimenti ufficiali e sui doveri reali invece che sulle feste e sul divertimento. La moglie di Giorgio V, la regina Maria era un'intenditrice d'arte e si interessò alla reale collezione di arredamenti in parte facendola restaurare ed in parte ampliandola. Maria fece installare nuovi impianti e inserire complementi d'arredo, come i due camini in stile impero di Benjamin Vulliamy datati 1810, nella Bow Room a pianterreno, l'enorme stanza bassa la centro della facciata che dà sul giardino. La regina Maria fece inoltre decorare la Sala Blu. Questa stanza, lunga 21 m., precedentemente conosciuta come la Sala Sud, ha uno dei soffitti più belli di Nash, a cassettoni rivestiti di enormi pannelli dorati e viene definita dallo storico Olwen Hedley nel suo libro Buckingham Palace come la più bella del palazzo, più maestosa e superba perfino della sala del trono o del salone da ballo, costruito per subentrare alla funzione originale della Sala Blu.
Nel 1999 fu dichiarato che il palazzo conteneva 19 stanze di rappresentanza, 52 camere da letto principali, 188 camere per la servitù, 92 uffici e 78 bagni. Se tutto ciò può sembrare enorme, è piccolo se paragonato al palazzo dello Zar a San Pietroburgo, a Tsarskoe Selo, ai Palazzi del Vaticano a Roma, al palazzo reale di Madrid o alla Casa Bianca, e minuscolo se paragonato alla Città Proibita di Pechino o a Potala Palace. La relativa piccolezza del palazzo può essere meglio apprezzata dall'interno, quando si guarda il cortile. Un altro cambiamento venne attuato nel 1938, quando il padiglione di nord-ovest, disegnato da Nash, venne trasformato in piscina.

Guerre mondiali

Londra dopo un bombardamento
Londra dopo un bombardamento

Durante la prima guerra mondiale il palazzo, all'epoca residenza di Re Giorgio V e della Regina Maria ne uscì senza danni. I suoi contenuti più preziosi vennero evacuati a Windsor ma la famiglia reale restò al suo posto. Il più grosso cambiamento dell'epoca alla vita di corte fu che il governo persuase il Re a chiudere a chiave, pubblicamente e con ostentazione, le cantine e ad astenersi dal consumo di alcolici per la durata della guerra, per dare il buon esempio alle classi più basse che si supponevano inebriate. Le classi povere continuarono a bere e il Re venne lasciato furioso per l'astinenza forzata. Edoardo VIII disse in seguito ad un biografo che suo padre si concesse un furtivo bicchiere di porto ogni sera, mentre la regina correggeva di nascosto la macedonia con lo champagne. I figli del re vennero fotografati in questo periodo mentre servivano agli ufficiali feriti nell'adiacente Royal Mews.

Durante la II guerra mondiale al Palazzo andò peggio: venne bombardato non meno di sette volte, e fu un obiettivo deliberato, dato che i nazisti ritenevano che la distruzione di Buckingham Palace avrebbe demoralizzato la nazione. Una bomba cadde nel quadrilatero del palazzo mentre Re Giorgio VI e la Regina Elisabetta erano nella residenza, ma anche se molte finestre esplosero, non si registrarono danni gravi. Il bombardamento più grave e pubblicizzato fu la distruzione della cappella del palazzo nel 1940, un evento trasmesso nei cinema di tutta Inghilterra per mostrare la sofferenza comune di ricchi e poveri. Il re e la regina vennero filmati mentre ispezionavano la loro casa bombardata, la regina sorridente con cappotto e cappello bianchi abbinati. Fu in quest'occasione che la regina esclamò: "Sono contenta che siamo stati bombardati. Ora posso guardare in faccia l'East End". Solo di recente è stato riportato che in alcune visite, precedenti a questo evento, a luoghi colpiti dai bombardamenti, la famiglia reale venne fischiata, e non acclamata come riportato all'epoca. Il bombardamento del palazzo fu quindi un colpo di propaganda per l'establishment britannico. È stato comunque osservato che fu il ministro che accompagnava la famiglia reale ad essere oggetto dell'ostilità pubblica, più che il re e la regina. Come riportò doverosamente il The Sunday Graphic:"Il Re e la Regina hanno sopportato l'ordalia che li ha raggiunti. Per la seconda volta un bombardiere tedesco ha cercato di portare morte e distruzione nella casa delle Loro Maestà. Quando questa guerra sarà finita il pericolo comune che Re Giorgio e la Regina Elisabetta hanno condiviso con il loro popolo sarà una memoria preziosa e un ispirazione negli anni". Il 15 settembre 1940 un pilota della RAF, Ray Holmes, centrò un aereo tedesco che stava cercando di bombardare il palazzo. Holmes aveva terminato le munizioni e prese rapidamente la decisione di speronarlo. Entrambi gli aerei si schiantarono al suolo ma i piloti sopravvissero. L'incidente venne filmato. Il motore dell'aereo inglese venne successivamente esibito al Museo Imperiale di Guerra a Londra. Dopo la guerra il pilota britannico venne nominato Messaggero del Re. Morì nel 2005 all'età di 90 anni. Ad Eleanor Roosevelt venne accordato lo status di capo di stato in visita, durante il suo soggiorno nel corso della II guerra mondiale. La stampa britannica del tempo di guerra, ansiosa di mostrare i monarchi che condividevano le ristrettezze dei loro sudditi, annunciò che siccome i contenuti del palazzo erano stati evacuati in campagna per la durata della guerra, la Signora Roosevelt, in quanto ospite onorevole venne "accomodata" nell'unica camera confortevole rimasta, quella della Regina Elisabetta. È comunque possibile che questa storia sia apocrifa: si sa oggi che per la durata della II guerra mondiale le famiglia reale spese molte notti dormendo nel Castello di Windsor per motivi di sicurezza. È improbabile che avrebbero lasciato la Signora Roosevelt da sola in un palazzo vuoto, in balia delle incursioni notturne. Nel giorno della vittoria (8 maggio 1945), il Palazzo fu al centro dei festeggiamenti britannici, con il Re, la Regina, la Principessa (e futura regina) Elisabetta e la Principessa Margaret che apparvero sulla balconata, con alle spalle le finestre del palazzo oscurate, a raccogliere i saluti di una vasta folla raccoltasi sul Mall.

Interno

Piano nobile di Buckingham Palace. A: Sala da pranzo di rappresentanza; B: Salotto blu; C: sala da musica; D: Salotto bianco; E: gabietto reale; F: sala del trono; G: Salotto verde; H: galleria; J: sala da ballo;  K: galleria est; L: Salotto giallo; M: sala centrale/sala del balcone; N: sala da pranzo cinese; O: corridoio principale; P: appartementi privati; Q: stanze di servizio; W: scalone principale. A pianterreno:  R: Entrata degli ambasciatori; T: Entrata principale. Le altre aree rappresentano ali minori del palazzo
Piano nobile di Buckingham Palace. A: Sala da pranzo di rappresentanza; B: Salotto blu; C: sala da musica; D: Salotto bianco; E: gabietto reale; F: sala del trono; G: Salotto verde; H: galleria; J: sala da ballo; K: galleria est; L: Salotto giallo; M: sala centrale/sala del balcone; N: sala da pranzo cinese; O: corridoio principale; P: appartementi privati; Q: stanze di servizio; W: scalone principale. A pianterreno: R: Entrata degli ambasciatori; T: Entrata principale. Le altre aree rappresentano ali minori del palazzo

Le stanze principali del palazzo sono contenute nel piano nobile dietro la facciata sul giardino rivolta a ovest sul retro del palazzo. Il centro di questo ornato insieme di Saloni di Stato è il Salone Musicale, il cui ampio arco è la caratteristica dominante della facciata. Ai fianchi del Salone Musicale si trovano la Sala Blu e la Sala Bianca. Al centro della serie di stanze si trova la galleria dei dipinti, che serve da corridoio per collegare i Saloni di Stato. Lungo i suoi 50 metri la galleria ospita, tra le altre, opere di Rembrandt, van Dyck, Rubens, e Vermeer. Altre stanze che partono dalla galleria sono la Sala del trono e la Sala Verde. Quest'ultima serve da vasta anticamera alla Sala del Trono, ed è parte del percorso cerimoniale verso il trono dalla Sala della Guardia in cima alla Grande Scalinata. La Sala della Guardia contiene una statua in marmo bianco del Principe Alberto in costume romano, collocato in una tribuna con arazzi. Queste sale molto formali vengono usate solo per eventi cerimoniali e ufficiali.

Direttamente sotto gli Appartamenti di Stato si trova un insieme di stanze leggermente meno grandi, note come Appartamenti semi statali. Affacciate sulla sala dei marmi, queste stanze sono usate per occasioni meno formali, come banchetti e udienze private. Alcune delle sale sono intitolate e decorate in onore di particolari visitatori, come la Sala del 1844, che venne decorata in quell'anno per la visita di stato dello Zar Nicola I di Russia. Al centro di questo insieme di stanze si trova la Bow Room, attraverso la quale passano annualmente migliaia di ospiti dei party nei Giardini della Regina. La Regina usa in privato un insieme più piccolo di stanze dell'ala nord. Tra il 1847 e il 1850, quando Blore stava costruendo l'ala est, il Padiglione Reale di Brighton fu ancora una volta privato dei suoi arredi. Come risultato molte stanze della nuova ala hanno un'atmosfera orientale. La sala da pranzo in stile cinese rosso e blu ha arredi che una volta erano nelle stanze da musica e da banchetto del Padiglione Reale e un caminetto, anch'esso del Padiglione Reale, in stile più indiano che cinese. Il salotto giallo ha una tapezzeria del XVIII secolo che era stata ordinata nel 1817 per il salone del Padiglione Reale, e sulle nicchie del caminetto trovano posto un mandarino e un dragone alato. Al centro di quest'ala c'è il famoso balcone della Centre Room, un salone in stile cinese voluto dalla regina Maria negli anni venti, sebbene le porte laccate appartengano al Brighton Pavilion, da cui furono trasportate nel 1873. Una lunga galleria, con porte a specchio che riflettono pagode di porcellana e altri pezzi di arredamento derivanti sempre dal Padiglione Reale, conosciuta come il Corridoio principale, corre lungo tutto il piano nobile dell'ala est. Alla sua estremità sono situate le sala da pranzo cinese e la Sala Gialla, mentre al centro è ovviamente situata la Sala Centrale. I capi di stato in visita al palazzo occupano oggi la Belgian suite, una serie di stanze al pianterreno dell'ala nord che si affacciano sul giardino. In queste stanze, progettate per lo zio del principe Alberto, Leopoldo del Belgio, visse durante il suo breve regno Edoardo VIII.

Cerimoniale di corte

La Sala da Ballo di Stato è la sala più grande di Buckingham Palace. Venne aggiunta dalla regina Vittoria ed è usata per le investiture e i pranzi di stato.
La Sala da Ballo di Stato è la sala più grande di Buckingham Palace. Venne aggiunta dalla regina Vittoria ed è usata per le investiture e i pranzi di stato.

Durante il regno attuale il cerimoniale di corte ha subito un cambiamento radicale e non è più una prerogativa delle sole classi alte. L'abito formale di corte è stato abolito. Durante il periodo precedente, gli uomini dovevano indossare la divisa militare oppure pantaloni al ginocchio alla moda del XVIII secolo. Alla sera le donne dovevano indossare vestiti con lo strascico, e avere tra i capelli una tiara o delle piume (o entrambe). Il codice di abbigliamento del palazzo era molto rigido. Dopo la seconda guerra mondiale, la regina Maria, che desiderava seguire la moda sollevando le gonne di qualche centimetro da terra, domandò ad una sua dama di compagnia di accorciare la sua gonna e di presentarsi al re, così da vedere quale sarebbe stata la sua reazione. Re Giorgio trovò la cosa raccapricciante, e gli orli delle gonne rimasero bassi a dispetto della moda. Giorgio VI e la regina Elisabetta II seguirono un po' di più la moda e permisero che venissero indossati abiti da giorno con gonne leggermente più corte. Nel 1924 il primo ministro laburista Ramsay MacDonald fu il primo uomo ad essere ricevuto a palazzo indossando un abito maschile da giorno; tuttavia questa concessione rimase un caso isolato, e gli abiti da sera prescritti rimasero obbligatori fino alla seconda guerra mondiale. Oggi molti uomini invitati a palazzo scelgono di indossare uniformi di servizio o soprabiti, e alla sera, a seconda della formalità dell'evento, cravatte nere o bianche. Quando è richiesta la cravatta bianca, le donne indossano una tiara, anche se il codice di abbigliamento ufficialmente non è più in vigore.Uno dei cambiamenti maggiori avvenne nel 1958, quandto la Regina abolì le feste delle debuttanti. Tali feste, in cui le ragazze di famiglia aristocratica venivano presentate al re, si svolgevano nella sala del trono. Le debuttanti dovevano indossare l'abito di corte e avere piume di struzzo tra i capelli. Esse entravano nella sala del trono, facevano la riverenza, camminavano coreograficamente all'indietro, quindi facevano un'altra riverenza mentre tenevano in mano lo strascico della lunghezza prescritta. La Regina, pensando che tale cerimonia fosse antiquata ed elitaria, sostituì la presentazione con delle feste nei giardini del palazzo, a cui partecipavano persone appartenenti a diverse classi sociali. Si dice che la Principessa Margaret abbia così commentato queste feste delle debuttanti: "Abbiamo dovuto smetterla con queste cose a cui partecipava ogni puttana di Londra"(Blaikie). Oggi la sala del trono è usata per i ricevimenti della regina il giorno del suo giubileo e per le fotografie dei matrimoni reali. Le investiture, che comprendono il conferimento del titolo di cavaliere, si tengono nella sala da Ballo Vittoriana, costruita nel 1854 e lunga 37 m. per 20 metri, la più grande sala del palazzo, che ha rimpiazzato la sala del trono per uso e importanza. Durante le investiture la Regina non siede sul trono, ma sta in piedi sulla pedana sotto il baldacchino di velluto (shamiana) che venne usato per per l'incoronazione a Delhi nel 1911. Mentre coloro che ricevono le onoreficenze si accostano alla Regina, circondati da amici e parenti, la banda militare suona dalla soprastante galleria dei musicisti. Tra i primi artisti a ricevere un'onoreficenza a palazzo vi furono i Beatles.

Disegno del 1870 che mostra gli ospiti che salgono dallo scalone principale.
Disegno del 1870 che mostra gli ospiti che salgono dallo scalone principale.

Anche i pranzi di stato, in occasione della visita di un capo di stato, si svolgono nella Sala da ballo. In tali occasioni sono presenti al banchetto più di 150 ospiti, in abito formale che include cravatta bianca per gli uomini e tiara per le donne, che mangiano in piatti d'oro. Il ricevimento più formale e più importante si svolge a novembre, in occasione del riveimento dei membri dei corpi diplomatici stranieri presenti a Londra. In tale occasione la famiglia reale attraversa tutte le stanze di rappresentanza, formando una processione che parte dalla galleria dei quadri nell'ala nord. Tutte le porte a specchi sono aperte e riflettono i candelabri di cristallo, creando in questo modo un'illusione ottica che raddoppia lo spazio e la luce, come Nash aveva desiderato. Il ricevimento dei nuovi ambasciatori si svolge nella sala 1884. Qui la Regina riceve anche il consiglio privato di Stato e tiene piccoli pranzi. I banchetti invece si svolgono nella Sala da musica o nelle sale da pranzo di rappresentanza. In tuute le occasioni formali sono presenti le guardie del corpo reale e altri ufficiali di corte come il Lord Ciambellano. Da quando la cappella reale venne bombardata durante la seconda guerra mondiale, i battesimi reali si svolgono nella Sala da musica, in un fonte battesimale dorato. Qui è anche stato battezzato il principe William, mentre il principe Harry è stato battezzato nella cappella di S.Giorgio a Windsor. Durante l'anno si svolgono anche feste in giardino a cui partecipano anche 9.000 invitati, alcuni dei quali sono poi invitati a prendere il té con la regina nella sua tenda privata.

Sicurezza

La cerimonia del cambio della guardia
La cerimonia del cambio della guardia

Il palazzo è stato più volte oggetto di intrusioni. Come misura di sicurezza, non esistono mappe dettagliate moderne degli interni, e le sentinelle armate di fronte al palazzo non hanno solo scopi cerimoniali, ma anche di proteggerlo da eventuali intrusioni. Il palazzo ha suo ufficio di Polizia e i membri della famiglia reale hanno delle guardie del corpo. A circa 275 metri dal palazzo inoltre vi è la caserma delle guardie reali, e a circa un chilometro di distanza è situata la caserma delle unità di cavalleria e delle guardie di Hyde Park e di Chelsea. Durante la seconda guerra mondiale le camere della servitù furono trasformate in rifugio antiaereo; più recentemente è stato costruito un bunker contro la minaccia del terrorismo islamico. Si dice inoltre (ma non vi sono riscontri effettivi) che vi sia un passaggio segreto che collega il palazzo alla Victoria Line della metropolitana londinese per permettere l'evacuazione della famiglia reale in caso di attacco nucleare. L'intrusione più celebre fu quella di Michael Fagan, che nel 1982 entrò nella camera da letto della Regina mentre questa stava dormendo. Nel 2003 un giornalista del Daily Mirror, Ryan Parry, riuscì a lavorare per due mesi come cameriere nel palazzo dando referenze false. L'incidente coincise con la visita nel Regno Unito da parte di George W. Bush, permettendo così di realizzare fotografie della camera da letto di Bush e della prima colazione della Regina. Il Mirror vene citato in giudizio per lesione della privacy e dovette consegnare il materiale e pagare una multa. Altre infrazioni alla sicurezza avvennero fuori dal palazzo. Nel 1974 Ian Ball tentò di rapire la principessa Anne mentre stava tornando a palazzo, ferendo parecchie persone nel tentativo. Nel 1981, tre turisti tedeschi si accamparono nei giardini del palazzo dopo aver scalato il muro di cinta, credendo di essere ad Hyde Park. Nel 1993, la stessa cosa fu fatta dai manifestanti anti-nucleare. Nel 1945 un paracadutista nudo atterrò sul tetto dell'edificio. Nel 1995 uno studente, John Gillard, riuscì a scardinare uno dei cancelli, pesante una tonnellata e mezza. Infine, nel 1997, un ricoverato che soffriva di disturbi mentali fu trovato mentre passeggiava nel palazzo, il che provocò una revisione delle misure di sicurezza. Più di recente, nel 2004, un dimostrante per i diritti dei padri single, travestito da Batman, si arrampiò fino a una sporgenza vicino al balcone, mentre un secondo dimostrante, travestito da Robin, dava la scalata al palazzo; nello stesso anno, a Novembre, lo steso dimostrante si incatenò ad uno dei pilastri del cancello travestito da Babbo Natale.
Nella storia, però, altri avvenimenti hanno messo a repentaglio la sicurezza reale. Il più incredible ma vero fu quando, nel 1837, un ragazzo di 12 anni riuscì a vivere per un anno all'interno del palazzo senza essere scoperto, nascondendosi nei caminetti. Theodore Bonnet trasse da questa storia un romanzo, "The Mudlark" (1949), da cui fu tratto un film con Irene Dunne, Alec Guinness e Anthony Steel. Degli otto tentativi di assassinio della Regina Vittoria, almeno tre avvennero in vicinanza dei cancelli del palazzo. In altre epoche altre persone si sono introdotte abusivamente a palazzo, compreso un giovane che intendeva chiedere alla principessa Anne di sposarlo, e che venne dichiarato insano di mente. Tuttavia, dal momnto che la Regina è ufficialmente una figura che non riveste ruolo politico, le dimostrazioni di protesta e i cortei si dirigono di preferenza verso il palazzo del Parlamento o verso Trafalgar Square, più che verso Buckingham Palace.

Uso e accesso al pubblico

Admiralty Arch
Admiralty Arch

Oltre ad essere la residenza della Regina Elisabetta II e del Principe Filippo, Duca di Edimburgo, il palazzo offre lavoro a 450 persone. Ogni anno circa 50.000 partecipano alle feste in giardino, ai ricevimenti, alle udienze a i banchetti. A Buckingham Palace si volge inoltre ogni giorno la cerimonia del cambio della guardia, una delle maggiori attrazioni turistiche. nel giugno 2003, in occasione del giubileo d'oro della Regina, migliai di inglesi vennero invitati ad un concerto di musica pop e classica all'interno del palazzo, con distribuzione di champagne e picnic. Questa è stata la prima occasione a cui ha potuto partecipare gente di tutte le estrazioni sociali; normalmente gli ospiti delle feste in giardino appartengono a posizioni sociali elevate o detengono cariche pubbliche. L'apertura, negli anni Novanta, delle stanze di rappresentanza al pubblico durante il periodo estivo rappresentò un enorme cambiamento rispetto alla tradizione. Il denaro ricavato venne dapprima usato per la ricostruzione del castello di Windsor dopo l'incendio che aveva distrutto molte delle sue stanze di rappresentanza. Ogni anno, nei mesi di agosto e settembre, viene aperta al pubblico l'ala ovest del palazzo. Per far ciò vengono impiegate circa 200 persone, in maggioranza studenti. Contrariamente a quanto si crede, il palazzo non è di proprietà privata della Regina; sia il castello di Windsor che Buckingham Palace con le loro collezioni d'arte sono beni statali.
L'Admiralty Arch, l'entrata di rappresentanza al palazzo, venne disegnato da Sir Aston Webb e completato nel 1911 come parte del monumento commemorativo dedicato alla Regina Vittoria, che culminava in una grande statua scolpita da Sir Thomas Brock di fronte alla facciata del palazzo. Oggi l'Admiralty Arch contiene appartamenti per i funzionari pubblici di alto rango e per i ministri di stato. Gli arredamenti preziosi, i dipinti, le suppellettili, molte di cui dovute a Fabergé di Buckingham Palace e del castello di Windsor rappresentano la Collezione Reale di proprietà dello Stato e possono essere visitati dal pubblico durante i momenti di visita al palazzo e al castello. La Queen's Gallery (sorta sulla precedente cappella reale, gravemente danneggiata dalle bombe durante la seconda guerra mondiale), che racchiude una selezione di oggetti appartenenti alla collezione, può invece essere visitata tutto l'anno. The Mall, la via d'entrata di rappresentanza al palazzo, si estende dall'Admiralty Arch passando dal Victoria Memorial fino al piazzale antistante il palazzo e il macadam richiama i tappeti rossi usati un tempo.

vista del palazzo da the Mall con il Victoria Memorial.
vista del palazzo da the Mall con il Victoria Memorial.

Questa strada viene usata per le parate in occasione delle visite dei capi di stato e dalla famiglia reale in occasione dell'apertura annuale ufficiale del Parlamento. Dietro il palazzo vi è un grande parco, formato dai Buckingham Palace Gardens, il più grande giardino privato di Londra. Il giardino, disegnato in origine da Capability Brown, venne ridisegnato all'epoca della ricostruzione del palazzo da parte di William Townsend Ailton e John Nash. Il grande lago artificiale venne completato nel 1828 ed è alimentato dalle acque del Serpentine Lake di Hyde Park. Anche i giardini, come lo stesso palazzo, sono ricchi di opere d'arte. una delle più celebri è il Waterloo Vase, la grande urna commissionata da Napoleone Bonaparte per festeggiare in anticipo la sua vittoria, che nel 1815 venne donata, incompiuta, a Giorgio IV da Ferdinando III, Granduca di Toscana. Il re incaricò lo scultore Richard Westmacott di completarla, con l'intento di renderla il punto focale della nuova sala Waterloo del castello di Windsor, Dal momento però che l'urna pesava ben 15 tonnellate ed era alta quasi 5 m. e che nessun pavimento avrebbe potuto sopportarne il peso, venne donata alla National Gallery, che la restituì ai sovrani nel 1906. Il re Edoardo VII risolse il problema mettendo l'urna nei giardini, ove è tuttora. Nei giardini vi è anche una piccola residenza estiva, attribuita a William Kent,datata circa 1740. Adiacenti al palazzo sono le [[scuderie reali, anch'esse progettate da Nash, che ospitano le carrozze reali, tra cui il Gold State Coach, una carrozza dorata in stile rococo disegnata da Sir William Chambers nel 1760, con pannelli dipinti da G. B. Cipriani. Questa carrozza venne usata per la prima volta per l'apertura ufficiale del Parlamento da parte di Giorgio III nel 1762 e viene ora usata dal re o dalla regina solo in occasione della sua incoronazione o della celebrazione del suo giubileo. Le scuderie reali ospitano anche i cavalli da tiro usati durante le sfilate cerimoniali che si tengono a Londra.

Bandiere a Buckingham Palace

Il sergente della bandiera della regina è il solo responsabile di tutte le bandiere che sventolano dai pennoni di Buckingham Palace. Dal 1997 l'unica bandiera a sventolare è la cosidetta Royal Standard, la bandiera ufficiale del sovrano regnante e sul pennone solo quando i reali sono a palazzo. La Royal Standard non viene mai posizionata a mezz'asta in caso di lutto: persino quando muore il sovrano rimane in alto sul pennone, anche se accompagnata dalla bandiera del Principe di Galles. Alla morte di re Giorgio VI la bandiera di accompagnamento issata sul pennone fu quella della Regina Madre, poiché la residenza ufficiale di Elisabetta era ancora Clarence House. La tradizione cambiò nel 1997 in seguito alla morte della principessa Diana, quando la monarchia venne investita da molte polemiche per la mancata esposizione a mezz'asta della bandiera. In realtà la famiglia reale si trovava a Balmoral Castle, quindi come consuetudine non c'era la Royal Standard a Buckingham Palace, ma vista l'insistenza della gente la regina ruppe il protocollo ordinando di innalzare a mezz'asta l'Union Jack fino al funerale della principessa.
Da quel momento l'Union Jack viene issata al posto della Royal Standard quando la regina non è a palazzo e a mezz'asta in caso di lutto reale o nazionale, ad esempio a seguito degli attacchi terroristici avvenuti il 7 luglio 2005 a Londra.

Il palazzo oggi

Buckingham Palace nel 2005
Buckingham Palace nel 2005

Oggi Buckingham Palace non è solo la residenza della Regina e del Principe Filippo, ma anche la residenza londinese del Duca di York e del Conte e della Contessa del Wessex. Il palazzo ospita inoltre l'ufficio della monarchia e le sue funzioni associate. In confronto ad altri palazzi reali e castelli britannici, Buckingham Palace è relativamente nuovo, eppure le parole "Buckingham Palace" sono giunte a simboleggiare la monarchia britannica. Alla fine di entrambe le guerre mondiali, vaste folle si radunarono spontaneamente al palazzo, così come avvenne alla fine della seconda guerra boera. Una folla stimata in un milione di persone si riunì a Londra, molti davanti al palazzo, per vedere la regina in occasione del suo giubileo d'oro del giugno 2002. Al concerto del giubileo d'oro il chitarrista Brian May esegui God Save the Queen dal tetto di Buckingham Palace.

Voci correlate

Collegamenti esterni

Commons contiene file multimediali
su Buckingham Palace.

Mappa alle coordinate: 51°30'03 N, 0°08'31 O



LA RIVISTA
SALVA-INGLESE!

  1. Perché è utile
  2. Leggi il n. 1 gratis!
  3. Acquista gli arretrati
  4. Cosa dicono i lettori
  5. Il  metodo

 


 

 

 

 

 ------------------------------------------------